Dai libri  ...libri da vedere


La sposa dell'isola
La sposa dell'isola

Cantica dal Trasimeno

di Stefania Cavazzon


Le immagini del libro:(cliccare sulle immagini per ingrandirle)



Giunge di barca
e vede
biancido lago
biancido cielo
e tutto l'altro intorno
scrimolo latteo

Sola
l'isola
in nero

Muschiato pube di terra
dove è a battesimo
chi approda
dentro la fede nuova
galvana anòdina



Mattina escreata, il Sabato
del marocchino
___________Cinque orologi
da cucina a terra
di fronte al Molo Bar
sotto i due lecci

Transito in calo
dei visitatori

Duello di battelli
dentro l'ombra
un tuffo di ragazzi
nel divieto

S'annuvola
Si riannuvola

Il lago verdeavaro
ha un odore arsiccio
di cratere inzuppato
__________________Pioverà
lava
ambrosia
o seme



Sull'ambulacro del fiorire
inganghera
______________scornetta
ridisgrega
il motopulitore fra la sabbia
Riavrò
così
da fochi di papaveri
fiorranci
fieno
alta centaura
lo scampolo arredato di una spiaggia
con gli ombrelloni blu



Burrasca
sul battello vuoto
inabitata
E' l'alcaèst che mi vagella
verso l'aperto ondante
Rolla la giostra
nell'acqua a morirne
dolce
neonata
rispruzza
spioggia
sugli aspri sedili
di legno
di bosco
dai bifidi lampi
e cornutezze alate

Ho forma sirena
chè qui s'appiccia al capezzolo
il suono



Acqua
_____Acqua
__________Acqua
ti fascia
Lacrimata
____________E' l'estasia
Avvampo
Giulebbe
Melappo
La tana del glossema
L'inizio
di tutto questo leppo
Il purgatorio embrionico
Il primo inferno latteo

La femmina del Tempo
vuole si beva
e ci si intrida
E si canti

La voce acquidosa
riscrive gli dei



Aggelano aliti
______________di romitorio
E' lo sbianchito refrigerio
che fila iati

Si calma
nuziale
la vita

E si concreta nel tempo
l'impresa dell'orbita

Arriva
ialurgico inverno
e già
il carnevale rinfocola
cere per lumi
crepacchia l'ustorio brinato
dell'acqua
che stempera
i suoi soli verdi


Le poetanti riemergono



Ha svernato il marangone
ad Isoletta

____________Fra le membrute
conifere chine della marchesa
sguazza una gracchiante festa
Ma quegli strosci oscuri
slavano nella chetezza
dove la nutria euclidea
mutola striscia
_________________________Spari
risonano fino all'epilogo
dentro la notte che dissocia
lembi guizzi filtri lumi
e alloppia il coro



Eclissano
le sofficità
i cuccioli
i flati aerei
mammole
gli atolli vermigli
della daphne
sullo stecco
il pennelleggiare fresco
dei quattro soli
fra zendàdi di nuvole
il remo melodico
che rimantrugia
i biondi
fluttuanti
fiorellini
delle ninfeacee
le inchinevoli sabbie
subacquee
oleose

Eclissano

Nevica drusa


<<<


<<<  torna all'indice