Dai libri  ...libri da vedere


La collezione di amuleti
La collezione di amuleti di "Giuseppe Bellucci"





Le immagini del libro:(cliccare sulle immagini per ingrandirle)



Particolare di gruppo ligneo quattrocentesco, Galleria Nazionale delle Marche, Urbino. Oltre alla collana con il rametto, il Bambin Gesù esibisce il braccialetto di corallo ai polsi. In molti altri casi i braccialetti sono presenti alle caviglie. All'interno della riformulazione cristiana del mito del corallo, alludono al sangue versato dal costato e dai polsi e le caviglie quando fu inchiodato alla croce.



Particolare di affresco votivo (XV secolo) dal Santuario della Madonna delle Grazie di Rasiglia, Foligno. Il rametto di corallo al collo del Bambin Gesù ha, forse involontariamente, una forma fallica



Disegno illustrante una pietra della saetta, le cui modalità di consumo culturale Giuseppe Bellucci ritiene di tipo sincretico perchè appesa insieme ad immagini sacre. Tratto da "Il feticismo primitivo in Italia e le sue forme di adattamento", Perugia, 1907.



Disegno illustrante una ranocchiella seduta sulla concavità di un crescente lunare su cui sono incisi parole e simboli religiosi: i tratti di sincretismo appaiono palesi. Tratto da "Il feticismo primitivo in Italia e le sue forme di adattamento", Perugia, 1907.



Disegno illustrante una chiavetta che presenta una croce inclusa nell'anello e l'estremità inferiore dell'ingegno conformata a manofica: i tratti di sincretismo appaiono palesi. Tratto da "Il feticismo primitivo in Italia e le sue forme di adattamento", Perugia, 1907.



Cimaruta napoletana dalla collezione di Frederick Thomas Elworthy attualmente conservata al Pitt Rivers Museum di Oxford



Giuseppe Bellucci (Perugia, 1844-1921)



Disegno di una fattura a morte riprodotta da Giuseppe Bellucci nel suo saggio "I chiodi nell'etnografia antica e contemporanea". Si tratta di un cuore di maiale trafitto da chiodi



Ex voto in maiolica policroma del santuario della Madonna dei Bagni di Casalina (Deruta, Perugia). Si riferisce alla grazia ottenuta in relazione a un parto difficoltoso. Seconda metà del XVII secolo



Illustrazione delle diverse tipologie di pietre aquiline in un testo naturalistico del Seicento. Da Ulisse Aldrovandi, Musaeum Metallicum, Bologna, 1648.



Amuleti abruzzesi contro il malocchio dipinti da Estella Canziani nel suo volume "Trough the Appennines and the lands of Abruzzi, Landscape and peasant life", Cambridge.



I pesci della vetrina 18 nella loro disposizione originaria, appesi alla parete o al montante del telaio



Una tavola della collezione di amuleti "Giuseppe Bellucci" in mostra alla Esposizione Nazionale di Torino del 1898



Elaborazione attuale di una croce di canna nelle campagne intorno a Perugia. Si nota l'inserimento di un ramoscello di olivo e della foglia di giaggiolo


<<<


<<<  torna all'indice