inUmbria on line nelCentro on line inItalia on line in Europa on line nel Mondo on line nellUniverso on line
 
 
| Home | sul sipario | libri da vedere | links | contatti |
 

ambiente

I “Giochi de le porte” di Gualdo Tadino

Il 27, 28 e 29 settembre a Gualdo i rioni di Benedetto, Donato, Facondino e Martino si sfideranno in una competizione strutturata in quattro gare: il tiro con l’arco e con la “frombola”, le corse di somari, con il carretto e “a pelo”. E non è t


Più di 800 figuranti, “messeri, arcieri, dame, tamburini e popolani”, nel corteo in costume medievale: Gualdo Tadino, il 27, 28 e 29 settembre, è il palcoscenico dei “Giochi de le Porte”, rievocazione storica in cui si sfidano le “quattro Porte” della città per aggiudicarsi il Palio del patrono San Michele Arcangelo.
La festa è ricca, dalle taverne che preparano piatti della cucina locale, agli sbandieratori e balestrieri, dalle gare di tiro con l’arco, con la fionda, alle corse con i somari.

Il programma dell’edizione 2007, la numero 30, è stato presentato questa mattina a Perugia nel corso di una conferenza-stampa dall’assessore regionale alla cultura Silvano Rometti e dal sindaco di Gualdo Tadino Angelo Scassellati, dallo storico Antonio Pieretti, dal presidente dell’“Ente Giochi” Giuseppe Ascani e dal gonfaloniere Salvatore Zenobi.

Ecco cosa prevede
Per tre giorni, le “quattro Porte”, identificate dal nome di altrettanti santi (Benedetto, Donato, Facondino e Martino, a rappresentare i rioni in cui si divideva la città in epoca medievale), si sfideranno in una competizione strutturata in quattro gare: il tiro con l’arco e con la “frombola”, le spettacolari corse di somari, con il carretto e “a pelo”, cioè senza sella.
La Porta vincitrice, oltre a ricevere il Palio (quest’anno dipinto dal maestro gualdese Nedo Frillici), avrà il diritto di mettere al rogo la “Bastola”, mitica strega che incendiò la città nel 1237.
Tutto intorno alle ‘Porte’ c’è un mondo, fatto di persone e solidarietà e quindi iniziative, ufficiali o spontanee, che durano tutto l’anno. Un esempio? “La sottoscrizione di un patto tra ‘Ente Giochi’ e ‘Porte’ per la sicurezza e la tutela del somaro, simbolo della festa, raccontano gli organizzatori, nonché, il “completamento della ricostruzione del centro storico, per la messa in sicurezza del percorso, a garanzia di animali e giocolieri”.

Andando a ricercare le radici di questa festa, “L’origine dei ‘Giochi’ non è ben definita”, spiega il professor Pieretti, anche se “con molta probabilità, è da far risalire al Quattrocento, periodo in cui Gualdo Tadino rivestiva una posizione strategica come delegazione autonoma dello Stato Pontificio”. Questa “festa, che celebrava un momento religioso, era anche occasione economica e di socializzazione perché dava l’opportunità di vendere i prodotti della terra e di incontrarsi”. Cosa è rimasto di “quella festa? “Oggi rappresenta la riscoperta del proprio passato, della tradizione municipale e del senso di comunità”.

“Il Comune e i ‘Giochi’ sono la stessa cosa”
, aggiunge il sindaco Scassellati. “L’edizione di quest’anno, ricca di ospiti e delegazioni anche straniere, riveste un particolare significato perché cade nel decennale del terremoto. Nel settembre di dieci anni fa furono proprio le taverne e le ‘Porte’ ad attivarsi nel prestare i primi soccorsi ai gualdesi colpiti dal sisma”.

L’assessore regionale Rometti, conferma “il grande ruolo che la festa ha avuto per la crescita materiale ed immateriale di Gualdo”, d’altronde “le manifestazioni che hanno come fulcro l’arte, la storia e la tradizione sono fondamentali per lo sviluppo della regione e come tali vanno sostenute e promosse”. Rometti aggiunge poi un’ulteriore rassicurazione in merito: “Proprio qualche ora fa, il Consiglio delle Autonomie locali ha dato il via libera al disegno di legge predisposto dalla Giunta regionale in materia di manifestazioni ed eventi culturali”.

(24-09-2007)

Link consigliati:
Il programma della “tre giorni”



[torna ai risultati]
 


Periodo dal

al

Argomento

Parola chiave:


torna ai risultati
 


Pubblicato in S.Mariano - Perugia - Italia - Ultimo aggiornamento: 24-09-2007 alle :