inUmbria on line nelCentro on line inItalia on line in Europa on line nel Mondo on line nellUniverso on line
 
 
| Home | sul sipario | libri da vedere | links | contatti |
 

spettacolo

La musica della corte di Federico torna a casa

Il Festival internazionale itinerante D’UmbriAnticaMusica fa tappa a Gubbio. Qui, il 7 agosto 2007, palazzo Ducale ospita il concerto di “Bella Gerit e Laus Veris”


La musica che ascoltava Federico da Montefeltro tornerà, dopo oltre cinque secoli, a risuonare tra le pareti del palazzo Ducale di Gubbio. E le note saranno accompagnate da animazioni in costume storico e dalla suggestiva ricostruzione scenica della corte dei duchi, con la partecipazione degli Sbandieratori di Gubbio. L’ensemble “Bella Gerit e Laus Veris” di Urbino presenta, martedì 7 agosto nel cortile del palazzo Ducale, alle 21.15, uno suggestivo spaccato delle musiche della corte feltresca, rondeaux e ballate dal codice 1411 della biblioteca dei Duchi di Urbino.

La prima edizione di D’UmbriAnticaMusica, festival internazionale itinerante nei luoghi storici dell’Umbria, organizzato dalla Regione e dall’Associazione manifestazioni storiche dell’Umbria, fa così tappa a Gubbio - terzo di dieci appuntamenti in cartellone in tutta l’Umbria -, con uno straordinario concerto in collaborazione con il Gubbio Summer Festival 2007.

“Quella tra il festival D’UmbriaAnticaMusica e Gubbio Summer Festival non è una semplice collaborazione, ma una tappa comune del percorso di due manifestazioni musicali diverse, ma con radici comuni” spiega l’eugubino Francesco Cardoni, direttore artistico-organizzativo del festival internazionale D’UAM. “L’Umbria è una culla naturale per la musica antica, ma il nostro festival vuol essere anche attento a tutte le emergenze del territorio: non solo le bellezze artistiche, ma anche gli aspetti culturali e alla tradizione, con una profonda attenzione al livello filologico e scientifico nella ricostruzione storica”.

Un programma ricercato e sorprendente quello di “Bella Gerit e Laus Veris”, che fa seguito al lavoro di ricerca e interpretazione dei repertori musicali urbinati, condotto dall’associazione culturale marchigiana Bella Gerit e che ha trovato la sua prima espressione nella realizzazione del cd “La Dolce Vista, Musiche alla corte di Federico da Montefeltro, rondeaux e ballate dal codice 1411”. Una selezione dei brani di questo lavoro, realizzato nel 2005, verrà presentata in anteprima proprio il 7 agosto. E’ la prima volta infatti che l’ensemble al completo si esibisce dal vivo in questo repertorio, arricchito da un’animazione in costume storico, con direzione e coordinamento scenico di Carlo Nardelli.

“La struttura del rondeaux - spiega Simone Sorini, musicista dell’ensemble Bella Gerit e Laus Veris –, con strofe e ritornelli, è molto simile alle moderne canzoni, nonostante risalga al XV secolo”. I componenti dell’ensemble, infatti, hanno elaborato la struttura musicale antica per poterla suonare con i loro strumenti. “Riporteremo in musica - prosegue il cantante e musicista - la pagina di un codice scritta più di 500 anni fa, con uno straordinario lavoro di archeologia musicale. I brani che noi eseguiremo sono quelli ascoltati dal duca Federico a Urbino e Gubbio e sarà emozionante suonare le stesse musiche eseguite allora tra le mura dei palazzi del Montefeltro”.
La particolare versatilità dei nove musicisti della formazione permette, tra l’altro, l’utilizzo di 15 strumenti, molti dei quali raffigurati nelle miniature medievali e ancora oggi utilizzati dalle popolazioni dell’area mediterranea. L’ensemble propone così una ricca varietà di suoni e di ritmiche inusuali, rendendole fedeli a quelle effettivamente eseguite nel Medioevo.
In questo concerto eugubino, data del cartellone del festival itinerante D’UmbriAnticaMusica, gli artisti si esibiranno con strumenti che si rifanno, con la massima cura filologica, a quelli raffigurati negli studioli del Duca d’Urbino. Uno dei brani eseguiti è tratto dalle partiture leggibili e intarsiate nel legno dello studiolo di Urbino.

“La presenza degli Sbandieratori di Gubbio – afferma il direttore artistico-organizzativo Cardoni – testimonia ancora con maggiore forza la presenza della città e delle sue tradizioni all’interno del Festival”.

(07-08-2007)




[torna ai risultati]
 


Periodo dal

al

Argomento

Parola chiave:


torna ai risultati
 


Pubblicato in S.Mariano - Perugia - Italia - Ultimo aggiornamento: 07-08-2007 alle :