inUmbria on line nelCentro on line inItalia on line in Europa on line nel Mondo on line nellUniverso on line
 
 
| Home | sul sipario | libri da vedere | links | contatti |
 

cultura

“io spiegando celo”, omaggio a Bruno Ceccobelli

Il settore arti visive del Corciano Festival 2007 – XLIII edizione Agosto Corcianese presenta una mostra antologica dedicata all’artista, nato in Umbria, ma formatosi a Roma. In allestimento presso La chiesa-museo di S. Francesco fino al 30 settembre


L’antologica allestita nella chiesa-museo di S. Francesco, per l’Umbria nel cuore, intitolata “io spiegando celo”, è un omaggio a Bruno Ceccobelli, artista nato in Umbria ma formatosi a Roma, dove ha maturato poi la sua ricerca.
L’artista mantiene da sempre un forte legame con la sua terra d’origine, da cui attinge la misticità e l’ispirazione che pervadono le sue creazioni e, da qualche anno, ha deciso di tornarvi a vivere e lavorare, in una torre antica a Montemolino di Todi.
La sua arte, inizialmente di tipo concettuale, raggiunge nel corso degli anni l’astrazione pittorica, fino a culminare, attraverso il recupero del ready-made e una sapiente manipolazione dei mezzi tradizionali, nel simbolismo spirituale.
Attraverso opere dense di richiami ed alternative, Ceccobelli veicola un’arte fatta di alchimie materiali e concettuali, dove il mondo interiore dell’artista si sviluppa all’insegna di una cifra espressiva in continuo divenire. Per lui l’arte “serve alla vita pratica perché illumina l’intuizione di ognuno con idee superlogiche, che fanno la felicità delle nostre emozioni”. Saranno esposte, in questa occasione, una quarantina di opere, in prevalenza di grandi dimensioni, datate fra gli esordi degli anni Settanta e il 2006, compreso il ciclo delle ceramiche.

Chi è Bruno Ceccobelli
Bruno Ceccobelli nasce a Todi nel 1952, compie gli studi presso l’Accademia di Belle arti di Roma. Dopo la prima collettiva in Austria, nel 1980 partecipa alla Biennale de Jeunes di Parigi.
In questi anni espone alla Galleria Ugo Ferranti di Roma (1981) e successivamente da Yvon Lambert a Parigi (1981) e da Salvatore Ala a New York (1983). Espone alla Galleria Sperone di Roma nel 1984, anno in cui è presente alla Biennale di Venezia nella sezione "Aperto". Nel 1986 torna ad esporre alla Biennale di Venezia nella sezione "Arte e Alchimia".Nel 1988 realizza una triplice esposizione a New York presso la Jack Shainman Gallery, a Roma presso il Centro di Cultura Ausoni e a Madrid, presso la galleria Mar Estradaal e nello stesso anno al Caffè Florian di Venezia, presenta 777 opere di piccole dimensioni formanti un'unica installazione. Nel 1989 espone a Parigi (Yvon Lambert), Londra (galleria Mayor Rowan) e a Barcellona (da Thomas Carstens).
L’inizio degli anni novanta coincide con l’approdo al mercato tedesco: espone alla Hilger Galerie di Francoforte (1990), alla Hilger Galerie di Vienna (1993), alla Galerie Tribold di Basilea (1991) e alla Galerie Holtmann di Colonia. Vengono allestite ampie personali nel 1993 al Museum Centre Saydie Bronfman di Montreal e alla Galleria d'arte Moderna di Rimini. Dopo aver presentato le sue opere all'Istituto di Cultura Italiana a Malta e alla Galleria BMB di Amsterdam, nel 1995 ha una personale alla galleria Kouros di New York, mentre nel 1996 è alla Quadriennale di Roma.
Dal 1998 è rappresentato in Canada presso due gallerie: alla Galleria Han di Montreal e alla Art - Core Gallery di Toronto. Nel 1999 ha presentato a Livorno, presso la Galleria Guastalla Arte moderna e contemporanea, la personale "Trascorsi d'asfalto", con la presentazione di Arturo Schwarz.
Nel 2000 ha una grande personale al Museo d'Arte Contemporanea di Riccione e l’anno successivo torna in Germania, a Colonia dove è ospite della Galleria Binz & Krämer; e in Austria presso la Contemporary Art Gallery a Villach.
In occasione venti anni di esposizioni realizza in Olanda nel 2002 una mostra nella Galleria B.M.B. con la quale lavora in esclusiva. Nel 2003 esce il volume "Color Bellezza", selezione dei suoi scritti curata da Nicola Miceli e inoltre presenta la personale "Classico Eclettico", presso il Museo Archeologico di Villa Adriana a Tivoli.
Nel 2004 ha realizzato a Gibellina il mosaico "L'eternità è la vera medicina", ed ha allestito una antologica presso il Museo Civico di Lubiana, in Slovenia.
Nel 2005 presenta una personale presso la galleria Luis Burgos, a Madrid, e la mostra "Grandi opere 1989-2005" presso la galleria Guastalla Centro Arte di Livorno; inoltre pubblica, presso l'editore De Luca di Roma, il libro "Tempo senza tempo della pittura". Dal 2005 è Direttore dell'Accademia di Belle Arte "Pietro Vannucci" di Perugia.
Nel 2006 espone sculture in marmo a Verona e Pietrasanta, nelle gallerie di Spirale Arte, segue una personale a Parigi nella galleria XXI Siècle. Partecipa a Villa Medici a Roma all'esposizione collettiva "San Lorenzo".

NOTIZIE UTILI
ORARIO
Dal 4 al 19 agosto:
tutti i giorni 17.30–23.30; festivi 10.30-13.00/17.30-23.30
Dal 25 agosto al 30 settembre:
Sabato e domenica 16.00-20.00

Ingresso: gratuito
Catalogo: Edizioni EFFE Perugia


(13-08-2007)




[torna ai risultati]
 


Periodo dal

al

Argomento

Parola chiave:


torna ai risultati
 


Pubblicato in S.Mariano - Perugia - Italia - Ultimo aggiornamento: 13-08-2007 alle :