inUmbria on line nelCentro on line inItalia on line in Europa on line nel Mondo on line nellUniverso on line
 
 
| Home | sul sipario | libri da vedere | links | contatti |
 

spettacolo

Dal Decameron alla Divina Commedia

Anche il teatro al Corciano Festival si modella sulla cultura medievale e mette in scena due colossi della letteratura italiana, il Decameron boccaccesco e la Divina Commedia di Dante, due opere che, in modo differente, mettono in scena i vizi e le virtù


La proposta teatrale avanzata dal Corciano Festival per l’edizione 2007 si articola, ancora una volta, attorno a temi attinenti la cultura e la sensibilità medievali.
Così la visione laica e scanzonata del Decameron e la tensione verso il sacro esplicitata nella Commedia dantesca si guardano in tralice all’interno di un ambizioso progetto teatrale, realizzato dalla compagnia FARNETO TEATRO di Maurizio Schmidt ed Elisabetta Vergani e ambientato appena fuori le mura dello splendido borgo, dal 4 al 19 agosto.

IL DECAMERON DEL PIACERE
6-17 Agosto - Ex Colonia Elioterapica di Corciano

L’Ex Colonia Elioterapica, suggestiva collina di olivi e cipressi situata ad una manciata di passi dal centro storico di Corciano, si trasforma nella villa di Fiesole dove i protagonisti del Decameron si rifugiano per sfuggire alla peste e, per ingannare il tempo, si raccontano a turno storie e aneddoti, riflessi fedeli e arguti di un umanesimo rivoluzionario, che trova nella forza della passione e dell’intelligenza l’ancora della salvezza umana. Se la vita terrena e la sua complessa trama di turbamenti sono il tema della poesia di Boccaccio, il Decameron del Piacere, per la regia di Maurizio Schmidt, esplora questo mondo, privilegiando una traiettoria intrigante: il tema dell’amore e la continua ricerca del piacere che ad esso è sotteso.
Adottando i consueti criteri di itineranza e immersività, che sono la cifra stilistica di Farneto Teatro, il Decameron del Piacere sarà scandito in quattro grandi spettacoli, di tre repliche ciascuno, dedicati ai grandi temi della fortuna, dell’ingegno, dell’amore e delle massime virtù:

Lunedì 6, martedì 7 e mercoledì 8 Agosto: I CASI DELLA FORTUNA

Giovedì 9, venerdì 10 e sabato 11 Agosto: I CASI DELL’AMORE

Domenica 12, lunedì 13, martedì 14 Agosto: I CASI DELL’INGEGNO

Mercoledì 15, giovedì 16, venerdì 17 Agosto: I VIZI E LE VIRTU’

Quattro moduli, ognuno diverso dall’altro, contenenti al loro interno la rappresentazione delle storie che maggiormente si riferiscono al tema di ogni singola serata, per un viaggio complessivo attraverso cinquanta novelle del Decameron. La dialettica tra vizio e virtù diventa il vettore della narrazione trasversale a tutti gli altri casi. Ed ecco allora le novelle sui casi della fortuna afferrata o mancata, sui casi dell’amore felice o infelice, sui casi dell’ingegno subìto o perpetrato sotto forma di astuzia, beffa o motto di spirito; fino ad arrivare all’elogio delle massime virtù di cui l’uomo dispone. Un disegno teatrale complesso e raffinato per raccontare, attraverso la straordinarietà degli accidenti e dei caratteri, la normalità e l’attualità di un uomo chiamato a misurare la tempesta delle proprie pulsioni con la giusta dose di intelligenza.

DIVINA COMMEDIA-LECTURA DANTIS
18-19 Agosto - Chiesa di Sant’Agostino

Due serate, sabato 18 e domenica 19 agosto, saranno dedicate alla lectura dantis. Un omaggio al genio di Dante Alighieri, che estende il principio della poesia alla musica, enfatizzando tutte le possibili relazioni tra parola poetica e sonorità e impiegando, proprio quest’ultima, come strumento per dare corpo alle visioni contenute nei canti tratti dall’Inferno. Le musiche sono di Ramberto Ciammarughi, per la regia di Maurizio Schmidt.

(06-08-2007)




[torna ai risultati]
 


Periodo dal

al

Argomento

Parola chiave:


torna ai risultati
 


Pubblicato in S.Mariano - Perugia - Italia - Ultimo aggiornamento: 06-08-2007 alle :