inUmbria on line nelCentro on line inItalia on line in Europa on line nel Mondo on line nellUniverso on line
 
 
| Home | sul sipario | libri da vedere | links | contatti |
 

sport

Esperienza indimenticabile nella capitale del “Francescanesimo”

Assisi Endurance Lifestyle 2007…lo straordinario successo di pubblico ha incorniciato l’evento dell’anno


A raccontare la settimana assisana dell’endurance ci vorrebbe un libro, non un “box da tremila” come quello che state leggendo, è infinitesimale lo spazio concesso stavolta per descrivere le sensazioni e i magic moments vissuti nel corso dell’Assisi Endurance Lifestyle 2007.

Perché di storie da raccontare, più o meno ufficiali, ce ne sono state tante. E tante altre ce ne saranno in vista della prossima edizione per la quale già si sta lavorando. Un passo alla volta, meglio non disperdere le percezioni appena vissute, vanno assaporate ancora e intensamente, perché un anno, quello che ci separa dall’Ael 2008, è lungo da far passare. E’ assodato in ogni caso che chi è accorso al Misura Village a partire dal 21 giugno si è divertito, dato che non sono mancate certo le attrattive di contorno al “mondiale delle maratone a cavallo”.
A cominciare dalle serate-spettacolo offerte prima da Max Giusti e Dario Vergassola, poi da Paolo Belli (il cui refrain musicale più conosciuto, “…sotto questo sole è bello pedalare…” avrebbe potuto tranquillamente rappresentare una sorta di inno per la kermesse umbra) che hanno visto affluire al Misura Village oltre 10 mila persone.
Del resto la canicola, che ha accompagnato un po’ tutti, cavalieri e cavalli, artisti e standisti, oltre al pubblico accorso in massa, è stata quasi da… clima arabo. Come se lo scambio di valori fra il nostro Paese e gli Emirati Arabi Uniti dovesse coinvolgere a tutti i costi pure le condizioni atmosferiche. Dei dibattiti fra italiani ed emiratini, dicevamo.

I tre convegni di giovedì e venerdì hanno messo al centro delle attenzioni di tutti la donna in primis e gli scambi commerciali poi. Torneranno utili per il bene dei due Paesi, specie se sapranno reciprocamente sfruttare le forze e le perspicacie dell’altro. Detto fra noi, dobbiamo ammettere le italiche deficienze di apprendimento e, soprattutto, le capacità imprenditoriali dei mediorientali. Se noi italiani la smettessimo di sentirci superiori in tutto a tutti staremmo già un bel passo avanti. “Meglio lasciar perdere”, come argutamente diceva Vittorio De Sica. Almeno per ora.

Inutile sottolinearlo: tutti sono rimasti affascinati dallo spettacolo dei fuochi d’artificio osservati nel corso del “Gran Galà dell’Endurance” di giovedì sera, scoppiettanti luci nate nella Rocca Maggiore e continuate nella spianata posizionata alle spalle del villaggio. Sembrava non finissero mai quegli artificiali giochi di luci e suoni, degni del famoso campionato mondiale della specialità che si disputa ogni anno a settembre.
Per non parlare poi della sfilata di moda, momento di eleganza al femminile indossata con grazia e maestria dalle modelle di Luisa Spagnoli. O di quel centinaio di bambini che ha provato per la prima volta a cavalcare nel primo centro di addestramento creato appositamente nel villaggio ed a assistere alle divertente performance dei cani nelle diverse prove come l’agility dog. Senza un attimo di respiro si è cominciata a vivere l’attesa per la gara di ieri fra uno stand e l’altro. Chi non ha osservato la specialista mentre preparava i sigari e chi non ne ha provato a fumare uno? Chi non s’è avvicinato allo spazio Bab Al Sham a sorseggiare il caffè arabo sognando di trovarsi in un amen nei luoghi vagheggiati dal salotto e dal plastico antistante? E chi non ha assistito ai “momenti gourmet” durante i quali i somelier dell’Ais – sezione Umbria, in collaborazione con l’enoteca BereSapere di Perugia di Roberto Canali e la Cantina Colpetrone, Lungarotti Vini, del Gruppo Sai Agricola, ha insegnato ai molti ospiti i rudimenti della degustazione e non solo.
Tutto all’insegna del “mangiar bene”, con il beneplacito del Centro Agro Alimentare dell’Umbria e delle Associazioni Italiana Sommelier, Slow Food Condotta di Assisi per non parlare delle numerose aziende che hanno gentilmente aderito e fornito i loro prodotti…ci piace ricordare: Antica Pasticceria Muzzi di Foligno, Pasta Julia e il Gastronomo di Perugia, Consorzio di Tutela Vini di Torgiano.

(27-06-2007)




[torna ai risultati]
 


Periodo dal

al

Argomento

Parola chiave:


torna ai risultati
 


Pubblicato in S.Mariano - Perugia - Italia - Ultimo aggiornamento: 27-06-2007 alle :