inUmbria on line nelCentro on line inItalia on line in Europa on line nel Mondo on line nellUniverso on line
 
 
| Home | sul sipario | libri da vedere | links | contatti |
 

cultura

Storie di Ville e Giardini 2007

Dal 30 giugno al 16 settembre 2007 la valorizzazione delle residenze signorili e del loro patrimonio naturalistico passa attraverso le visite guidate cariche di suggestioni artistiche, musicali e teatrali. Il 7 luglio, Villa Fidelia


Sabato 30 giugno prende il via “Storie di… Ville e Giardini” 2007, la kermesse giunta ormai alla sua terza edizione, che ripropone anche quest’anno l’argomento che ha animato le ultime due edizioni: la valorizzazione delle residenze signorili e del loro patrimonio naturalistico.

“Storie di…” attraverso un circuito di visite guidate persegue l’obiettivo di contribuire a far emergere la grande ricchezza e varietà d’offerta del patrimonio storico, architettonico e paesaggistico del territorio provinciale unito alla ricche proposte culturali e artistiche esistenti in Umbria.
Tutto ciò è reso possibile anche grazie al prezioso apporto dell’Associazione Dimore Storiche Italiane, Sezione Umbria, che risulta tanto più valido perché permette di aprire le porte di luoghi la cui storia è tutt’ora vitale: dimore che non sono mutate in musei di se stesse, ma continuano a vivere con le famiglie che con tanta passione ancora le custodiscono.

Il programma si svilupperà attraverso il territorio provinciale durante il periodo estivo per concludersi il 16 Settembre2007. Nei diversi appuntamenti le visite saranno arricchite, di volta in volta, da intermezzi musicali e teatrali a cura del Conservatorio di Musica di Perugia, del Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto “A.Belli” e del Centro Universitario Teatrale di Perugia.

Per informazioni e prenotazioni:
Provincia di Perugia, Ufficio Promozione Turistica
Tel. 075-368 2764 – 335-71 96 762

Villa Fidelia
La storia ai piedi del giardino

Il sito in cui si trova Villa Fidelia fu frequentato fin dall’età preistorica. Lungo il crinale della collina fu scavata addirittura una “via sacra” che collegava l’abitato romano di Hispellum al sacrario federale della gens umbra. Il primo complesso architettonico della villa risale all’età romana repubblicana, quando qui di scelse di edificare un santuario alla maniera ellenistica. Ai piedi del pendio vi era il teatro, e poco più avanti l’anfiteatro, di cui restano la pianta ellittica e molti ruderi. Oltre alla villa col suo giardino c’è la chiesa romanica di San Claudio, da sempre meta di pellegrinaggi e importante santuario fieristico anche dopo il medioevo. Alla fase medievale di Villa Fidelia, che vide soprattutto la progressiva spoliazione degli edifici antichi, seguì l’edificazione della prima residenza signorile di campagna nel XVI secolo, ad opera degli Acuti Urbani, proprietari dell’area. Ma sarà il gusto della nobildonna romana donna Teresa Pamphili Grillo a dare – due secoli dopo – forma elegante e spettacolare alla villa e soprattutto al bellissimo parco, che interventi recenti di ripristino hanno riportato all’antico splendore, con il giardino cosiddetto vesuviano, quello all’italiana, il galoppatoio e il boschetto. L’aspetto attuale del palazzo è dovuto ai consistenti lavori di ristrutturazione affidati negli anni ’30 da Decio Costanzi all’architetto Bazzani.

(02-07-2007)




[torna ai risultati]
 


Periodo dal

al

Argomento

Parola chiave:


torna ai risultati
 


Pubblicato in S.Mariano - Perugia - Italia - Ultimo aggiornamento: 02-07-2007 alle :