inUmbria on line nelCentro on line inItalia on line in Europa on line nel Mondo on line nellUniverso on line
 
 
| Home | sul sipario | libri da vedere | links | contatti |
 

spettacolo

A tutto Ballet

Dodici appuntamenti, distribuiti fra Terni, Magione, Foligno, Passaggio di Bettona, Orvieto. In scena, sempre alle ore 21.00, sono sette compagnie italiane e due straniere. Ecco il calendario degli spettacoli


Rimane ancora indeterminata da parte della Regione la precisa definizione del processo deputato alla chiusura della Fondazione Umbria Spettacolo.
Dunque non è stato ancora formalizzato il passaggio delle competenze e attività di danza realizzate da questo Ente ad altra istituzione. Ciò ha reso necessaria la continuità operativa della Fondazione Umbria Spettacolo, una continuità motivata anche dai risultati e dal consenso di pubblico ottenuto negli scorsi anni, e dalla volontà di accogliere le richieste esplicite, formulate dai rispettivi comuni, di mantenere la presenza della F.U.S.

Perciò la Fondazione Umbria Spettacolo comunica che l’edizione 2007 di Ballet, la programmazione di danza regolarmente organizzata da questo ente, riprende nonostante tutte le incertezze di questa fase e propone come prima tranche di stagione un calendario fino al mese di maggio con complessivi 12 appuntamenti, distribuiti fra Terni, Magione, Foligno, Passaggio di Bettona, Orvieto.
In scena, sempre alle ore 21, sono 7 compagnie italiane e 2 straniere. Questo che segue è il calendario degli spettacoli.

Giovedì 22 febbraio, Terni, Teatro Verdi.
La Spellbound Dance Company propone “Duende -Venus”, per la regia e la coreografia di Mauro Astolfi, insegnante, coreografo e ballerino di modern-jazz. Il talento multiforme e versatile del coreografo guida questa rigorosa ed impeccabile formazione, in una forte ricerca coreografica e nella commistione di generi, così che ogni spettacolo è un contenitore di emozioni, immagini, suoni e gesti in costante evoluzione.

Venerdi 23 febbraio, Magione, Teatro Mengoni.
La compagnia Dejà Donnè/Aldes presenta “Improvvisazioni”, con Simone Sandroni e Julyen Hamilton. È questa la prima di tre serie di improvvisazioni di danza nate nell’ambito dei corsi di specializzazione professionale organizzati dal gruppo Déjà Donné. In ognuna di esse Simone Sandroni dialogherà in un’azione scenica con uno dei maestri invitati a tenere gli stages. Sono proposte che possono costituire, anche per un pubblico non specialistico, un’occasione preziosa per osservare come si origina e si sviluppa un’idea di danza, colta nella sua immediatezza creativa e comunicativa. Gli altri appuntamenti sono con Maria Munoz (Spagna), giovedì 29 marzo, e con David Zambrano (Venezuela), sabato 26 maggio.

Venerdi 2 marzo, Foligno, Auditorium San Domenico.
Una compagnia statunitense, l’Alonzo King’s Lines Ballet, propone due titoli. Il primo è “Haendel”, che esplora la musica di George Friederic Haendel in una complessa “musica” di corpi, in grado di rievocare la drammatica eleganza dell’espressione Barocca. L’evocativa coreografia creata da King è profondamente ispirata dalla nobiltà musicale di Haendel, e il risultato è una magnifica sinfonia di corpi. Il secondo balletto è “The Moroccan Project”, dove King fa ricorso a più forme di musica nordafricana, che si lega profondamente alla coreografia. Su questo sfondo di ritmi instabili, a tratti ossessivi, e voci echeggianti, i ballerini si muovono con una grazia che incanta.

Venerdì 9 marzo, Terni, Teatro Verdi.
Una splendida compagnia italiana, il Balletto di Roma, è impegnata nella nuova, originale versione di “Cenerentola”, affidata a Fabrizio Monteverde, autore di una personale drammaturgia, ispirata al testo originale dei Fratelli Grimm, e non alla versione edulcorata di Perrault. È una coreografia di solidità corale, che valorizza tanto l’insieme che i solisti della Compagnia Balletto di Roma. Nel ruolo di Cenerentola una straordinaria Monica Perego, mentre il Principe è impeccabilmente interpretato da Hector Budlla.

Domenica 25 marzo, Passaggio di Bettona, Teatro Excelsior.
La Compagnia Abbondanza/Bertoni è impegnata in “Try”, spettacolo che, in un’atmosfera silente, rarefatta e intima, vede un corpo solo abbandonato in scena, quello della danzatrice Antonella Bretoni, che sembra voler raccogliere tutti i corpi e la storia dell’umanità tutta. Un corpo femminile, quindi, un involucro profondissimo di strappi e silenzi, che sa ricreare il mistero di quella materia che la imprigiona.

Venerdì 30 marzo, Terni, Teatro Verdi.
Un significativo omaggio ad uno dei grandi maestri della danza moderna: Josè Limón (1908-1972), coreografo e danzatore tra i più carismatici e influenti del suo tempo. La José Limón Dance Company presenterà alcuni dei titoli maggiori prodotti dalla compagnia, balletti dello stesso Josè Limón, sempre intrisi di un forte anelito spirituale e di una importante riflessione sui destini e l’identità dell’uomo, ed altri coreografi.

Venerdi 13 aprile, Magione, Teatro Mengoni.
Con lo spettacolo “Confini” la Compagnia MOTUS DANZA riflette sul concetto di terre negate e popoli che ne rivendicano il diritto. È un lavoro forte, di grande denuncia, in cui la Palestina, il Kurdistan o la Cecenia, assurgono a simbolo per tutti quei popoli cui viene negato un luogo di esistenza.

Domenica 15 aprile, Orvieto, Teatro Mancinelli.
“Mozart/Aqua”, presentato dal Balletto dell’Esperia, è un balletto che si ispira all’affinità dell’elemento aquatico con la leggerezza quasi naturale delle partiture mozartiane, creando una coreografia che vuol anche giocare alla contrapposizione tra dionisiaco e apollineo, tra la forza della natura e la ricercatezza architettonica della musica barocca. Due mondi che non si respingono, ma divengono quasi come in un respiro, la conseguenza, lo sfogo l’uno dell’altro.

Venerdi 20 aprile, Foligno, Auditorium San Domenico.
In “Brasil Pass”, nato da una residenza della Compagnia Artemis Danza in Brasile, l’autrice e i suoi sette danzatori hanno composto una vibrante pièce, articolata in due parti, che del grande paese sudamericano coglie con freschezza e sagacia la duplice anima: da una parte l’esuberante vitalità, dall’altra la malinconia sotterranea, per uno spettacolo di contagiosa emotività su una colonna sonora autenticamente brasiliana.

(22-02-2007)




[torna ai risultati]
 


Periodo dal

al

Argomento

Parola chiave:


torna ai risultati
 


Pubblicato in S.Mariano - Perugia - Italia - Ultimo aggiornamento: 22-02-2007 alle :