inUmbria on line nelCentro on line inItalia on line in Europa on line nel Mondo on line nellUniverso on line
 
 
| Home | sul sipario | libri da vedere | links | contatti |
 

spettacolo

“Io, l’erede” a Spoleto e Gubbio

Questa settimana è segnata da un appuntamento divertente col teatro di Eduardo De Filippo, reso ancor più spumeggiante dalla lettura registica di Andrèe Ruth Shammah. Sul palco Geppy Gleijeses, Leopoldo Mastelloni, Marianella Bargilli…


Dopo lo straordinario successo ottenuto nella stagione scorsa, con record di presenze in ogni teatro, martedì 23 gennaio 2007 al teatro Comunale di Gubbio e mercoledì 24 gennaio al Caio Melisso di Spoleto, arriva uno dei testi più intriganti e sorprendenti di Eduardo De Filippo, Io, l’erede nella divertentissima e intelligente lettura registica di Andrèe Ruth Shammah e la superba interpretazione di Geppy Gleijeses, Leopoldo Mastelloni, Marianella Bargilli, Umberto Bellissimo, Margherita Di Rauso, Gabriella Franchini e Antonio Ferrante, Ferruccio Ferrante, Valentina Tonelli.
La commedia, ispirata a un “fatterello” autobiografico, scritta da Eduardo in napoletano nel 1942 e riscritta “in lingua” nel 1968, si apre sulla commemorazione funebre di Prospero Ribera.
I Selciano, tra loro il capofamiglia, l’avvocato Amedeo, sono riuniti per ricordare il caro estinto: per ben trentasette anni, infatti, il Ribera, grazie alla generosità del vecchio Selciano, ha vissuto come ospite fisso della famiglia, da sempre impegnata in opere di beneficenza. Improvvisamente bussa alla porta il figlio di Prospero, Ludovico, il quale reclama per sé il posto del padre. Nonostante un certo sconcerto e imbarazzo, nessuno dei Selciano riesce a contrapporre validi argomenti alle motivazioni addotte con forza da Ludovico. Dal paradosso iniziale si passa così alla vita quotidiana, che non manca di riservare sorprese al povero ospite: sarà veramente solo il buon cuore ad aver spinto la famiglia Selciano ad accogliere il padre in casa propria?
Nella sua lettura Andrée Ruth Shammah sviluppa la vicenda accentuando i lati comici di un esplosivo divertimento. La regista mette in moto un meccanismo di fatti e personaggi di aspra buffoneria, portando in primo piano la figura di Ludovico Ribera che, con la coerenza del suo comportamento, smaschera il “buonismo” ipocrita di cui i Selciano sono emblema.
L’allestimento, nelle intenzioni della regista, supera inoltre un “certo eduardismo” per interpretare l’autore napoletano come un vero e proprio classico novecentesco.
“Prima di tutto – dice la Shammah - vorrei dire che questo è un testo-rivelazione. Uno lo legge e dice : com’è bello. Non sa ancora quanto arriverà ad esserlo una volta messo in scena ma sente subito che è un grande testo e avverte la necessità di andare a capire perché ha avuto una vita tanto travagliata. Lo stesso Eduardo accredita la storia dei dissapori con Peppino che lo recitava malvolentieri. In realtà si capisce che la ragione che la ragione sta nella sua grandezza : era un testo molto in anticipo sui tempi per la lucidità del giudizio su una certa società e per la cattiveria/violenza che contiene. E’ quasi un’autobiografia delle amarezze e come poteva avere successo il tormento che c’è dentro? Allora – dice Eduardo – se lo faccio in italiano forse diventa più astratto, gli spettatori si sentono meno colpiti perché s’identificano meno con quei personaggi mostruosi. Ma la storia rimane intrigante perché poi Eduardo non lo riprenderà più, lasciando che siano altri a metterlo in scena e il successo arriverà solo negli anni Ottanta, ma anche lì non sarà perentorio, definitivo, tale da consacrare la commedia tra le grandi opere. Eppure questa vita segreta del testo è bellissima perché ti accorgi che non solo non è scritta in napoletano ma nemmeno è pensata in napoletano. Scopri che ha dentro Feydeau – quello non delle macchiette, ma dei capolavori che bollano un’epoca dileggiandola – ha dentro Molière, nel personaggio paradossale che s’infila in una famiglia e la scardina, come Tartufo con Orgon. Lui non è migliore di loro però viene per fare la morale. Le assurdità di certi dialoghi apparentemente quotidiani sembrano prese dalla Cantatrice calva di Jonesco. E quando poi arrivi a certe scene corali, tenute dentro un’atmosfera sospesa, sembra di essere davanti a Pinter. Insomma, c’è dentro il grande teatro, tutta la problematica dell’uomo moderno. Il passaggio dal dialetto all’italiano è anche uno scarto del pensiero. Trasferire il pensiero dalla forma napoletana a un assoluto, da un atteggiamento naturale a un altro astratto, straniato, ma nello spirito di Eduardo, che non ammette schematismi, che ci ha insegnato il valore dell’ambiguità, come quando, in scena, diceva una battuta e ne contraddiceva il significato con un movimento delle sopracciglia. Eduardo segreto, intrigante, sorprendente e sempre divertente: così ci seduceva. E così intrigante, divertente e sorprendente mi auguro che questo spettacolo sia capace di sedurre gli spettatori”.

Per informazioni e prenotazioni ci si può rivolgere telefonicamente, fino al giorno precedente lo spettacolo, presso il Botteghino Telefonico Regionale del Teatro Stabile dell’Umbria, tutti i giorni feriali, dal lunedì al sabato, dalle 16 alle 19, al n. 075/57542222.

(22-01-2007)




[torna ai risultati]
 


Periodo dal

al

Argomento

Parola chiave:


torna ai risultati
 


Pubblicato in S.Mariano - Perugia - Italia - Ultimo aggiornamento: 22-01-2007 alle :