inUmbria on line nelCentro on line inItalia on line in Europa on line nel Mondo on line nellUniverso on line
 
 
| Home | sul sipario | libri da vedere | links | contatti |
 

cultura

Ecco il terzo appuntamento di “Confapi per l’Arte”

La personale di Mario Consiglio, l’artista leccese che ha scelto Perugia come città d’azione, sarà aperta al pubblico fino al25 Gennaio 2007 nei locali di Confapi Umbria


Una serie di opere inedite che vogliono richiamare l’attenzione sull’importanza dell’archeologia industriale nelle nostre città. E’ stata inaugurata il 13 dicembre presso i locali della Confapi Umbria, “St. John’s Bridge” , la personale di Mario Consiglio composta, per una parte, da un progetto specifico di 4 nuovi lavori, dedicati interamente a Ponte San Giovanni e ai suoi edifici dismessi.

Con Consiglio, parte il terzo appuntamento di “Confapi per l’Arte” , l’iniziativa di Confapi Umbria che nasce dall’intenzione di offrire agli imprenditori momenti preziosi per “respirare” nella “propria casa” anche l’arte e la cultura.

“Questa straordinaria ed appassionante iniziativa vuole essere un mezzo originale per presentare l’arte come protagonista e fonte di continua ispirazione anche nel contesto imprenditoriale – ha esordito nel corso della presentazione, il Presidente di Confapi Umbria, Gabriele Chiocci - . L’idea che anima il progetto è quella di fornire alla forza propulsiva dell’imprenditoria diffusa, accanto ai tradizionali strumenti per il potenziamento della cultura d’azienda, un ulteriore stimolo all’innovazione e alla creatività senza dimenticare i fondamentali spunti di riflessione sui molteplici aspetti del sapere” .

L’apprezzamento per l’iniziativa è arrivato anche dall’Assessore ai Beni culturali e alle attività culturali della Regione, Silvano Rometti, il quale ha sottolineato come nella nostra Regione il sistema delle arti contemporanee non abbia forse ricevuto, negli ultimi anni, il livello si attenzione che meritava. “Eppure l’Umbria è ricca di testimonianze contemporanee di elevata qualità artistica: molti sono gli artisti e le opere, pochi purtroppo gli spazi espositivi – ha precisato l’Assessore – è anche per questo motivo che l’amministrazione regionale guarda con vivo interesse alle iniziative, come questa lodevole organizzata da Confapi, in cui imprese e aziende private legano il proprio nome alla divulgazione della cultura, ritenendole utili alla promozione del sistema dei beni culturali già presenti nella nostra Regione e al tempo stesso un valido strumento per attrarre giovani artisti che si cimentano in nuove forme d’arte”.

“L’archeologia industriale riveste oggi per le nostre città un’importanza primaria – ha affermato Mario Consiglio - e questo mio progetto, concentrato su Ponte San Giovanni, vuole sensibilizzare il pubblico al recupero dei vecchi edifici dismessi che, ormai, è diventato una prassi consolidata in tutta Europa. Con il recupero di questi spazi si potrà ridare nuova vita a strutture che rappresentano il simbolo del lavoro e dello sviluppo economico delle nostre città” .

L’esposizione di Consiglio, che ha ricevuto il patrocinio degli Assessorati alla Cultura della Regione Umbria del Comune di Perugia e con la gentile collaborazione di FILIPPOFETTUCCIARIARTE e Assipiù, si compone anche di una serie di lavori micalizzati, dove la forma è al centro del ragionamento dell’artista.

MARIO CONSIGLIO è nato nel 1968 a Maglie (Lecce); vive e lavora a Perugia. Diplomato all’Accademia delle Belle Arti di Urbino, ha esordito alla fine degli anni ottanta con una serie di opere tridimensionali tra scultura e oggetto di forme organiche. La sua prima personale è del 1996, alla Galleria Carbone di Torino, dove nel 2000 ha presentato “The Soft Machine; del 2005 sono “Target”, Galleria Seno a Milano e l’ampia retrospettiva presso il Palazzo della Penna, a Perugia, mentre è del 2006 “Rinks and Targets” alla Trolley Gallery di Londra. Fra le numerose collettive: XIV Quadriennale Anteprima, Palazzo Reale, Napoli, 2003; Tokyo Designer’s week 2004, Tokyo, 2004; Il disegno è l’inizio di tutto, Galerie Mudima Due, Berlino, 2004; Clip’it, Fondazione Sandretto Re Rebaundengo, Torino, 2005.

Fino al prossimo 25 Gennaio, la mostra potrà essere visitata dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 13, e dalle 14 alle 18, con ingresso libero, presso la sede di Confapi Umbria, in via B. Simonucci, 3 a Ponte San Giovanni. Per informazioni è possibile contattare 075/7930560.

(18-12-2006)




[torna ai risultati]
 


Periodo dal

al

Argomento

Parola chiave:


torna ai risultati
 


Pubblicato in S.Mariano - Perugia - Italia - Ultimo aggiornamento: 18-12-2006 alle :