inUmbria on line nelCentro on line inItalia on line in Europa on line nel Mondo on line nellUniverso on line
 
 
| Home | sul sipario | libri da vedere | links | contatti |
 

cultura

Ecco il “Palazzo dei Signori Spada” di Lidia Secci

Mercoledì 13 dicembre, presso la Biblioteca Comunale di Terni, presentazione del volume. In allestimento anche la mostra bibliografica sulla donazione “Fondazione Sergio Secci”


Viene presentata mercoledì 13 dicembre in bct la pubblicazione “Palazzo dei Signori Spada" di Lidia Secci. Il volume ricostruisce le vicissitudini di un palazzo appartenuto al un'altra famiglia Spada ternana, la terza, per la precisione, nella vita cittadina del Cinquecento. Una dinastia, quindi, diversa da quella di Michelangelo Spada e di Carolo. La figura più importante stavolta è quella di Pierbenedetto, commerciante e benestante, proprietario oltre che dell'edificio cittadino anche di Villa Graziani, in contrada Valle, residenza famosa per avere ospitato artisti, scienziati, viaggiatori illustri in visita alla Cascata delle Marmore. Chiamato oggi Pressio-Colonnese, il palazzo si trova al numero 3 di via del Tribunale, a lato di Corso Tacito.
All’incontro con l’autore che si tiene a partire dalle ore 16.30 al caffè letterario bct intervengono l’assessore alla cultura del Comune di Terni, Sonia Berrettini, l’assessore alla scuola del Comune di Terni, Alida Nardini e l’archivista Elisabetta Davis.

Ricostruzione delle vicissitudini di un palazzo appartenuto ad un'altra famiglia Spada ternana, la terza, per la precisione, nella vita cittadina del Cinquecento. Una dinastia, quindi, diversa da quella di Michelangelo Spada e di Carolo. La figura più importante stavolta è quella di Pierbenedetto, commerciante e benestante, proprietario oltre che dell'edificio cittadino anche di Villa Graziani, in contrada Valle, residenza famosa per avere ospitato artisti, scienziati, viaggiatori illustri in visita alla Cascata delle Marmore. Chiamato oggi Pressio-Colonnese, il palazzo si trova al numero 3 di via del Tribunale, a lato di Corso Tacito.

Nella sala Farini è stata anche inaugurata la mostra bibliografica sulla donazione “Fondazione Sergio Secci” , raccolta libraria curata e plasmata direttamente da Torquato Secci e intitolata al figlio tragicamente scomparso durante la strage di Bologna del 1980.
Tra i volumi esposti è interessante osservare il fondo ottocentesco sulla navigazione interna, la navigabilità del Tevere e del Nera e vari trattati ingegneristici, diciannove esemplari antichi datati dal 1553 al 1823. Inoltre, all’interno della mostra, sono state riproposte tutte le più importanti pubblicazioni a carattere locale prodotte dalla famiglia Secci.
Diversi anche i volumi pregiati esposti: l’edizione romana de Stampe del Duomo di Orvieto del 1791 con 32 carte di tavole finemente incise, Apologia del s. Torquato Tasso in difesa della sua Gerusalemme Liberata edizione ferrarese del 1585, l’edizione romana del 1740 de Il Tevere navigato e navigabile in cui Si prova con autorità evidenti e non sospette che ne’ tempi passati sin da sua scaturigine si navigava…: particolarmente il Chiagio, la Paglia, la Nera ed il Teverone… scritta da Pascoli Lione e tante altre edizioni da ammirare e consultare terminata la mostra.
Oggi l’impegno di Torquato Secci è stato premiato e la sua raccolta ha assunto un ruolo ben più ampio rispetto al passato: non è più dedicata solo a studenti liceali ma è stata donata a tutta la cittadinanza terzana, ulteriore manifestazione d’amore che questa importante famiglia ha voluto dimostrare verso la propria città.

La mostra sarà visitabile fino al 15 gennaio 2007.

(13-12-2006)




[torna ai risultati]
 


Periodo dal

al

Argomento

Parola chiave:


torna ai risultati
 


Pubblicato in S.Mariano - Perugia - Italia - Ultimo aggiornamento: 13-12-2006 alle :