inUmbria on line nelCentro on line inItalia on line in Europa on line nel Mondo on line nellUniverso on line
 
 
| Home | sul sipario | libri da vedere | links | contatti |
 

economia

Dalla fusione delle tre cooperative nasce Umbria Confidi

Si tratta della nuova struttura di garanzia al credito della Confcommercio della provincia di Perugia ch unisce Cofico, Finter e Fidicom tre cofidi che detenevano nel settore del commercio una quota di mercato pari al 56% circa


Si chiama Umbria Confidi - un nome scelto per ribadire il forte radicamento sul territorio regionale e, nel contempo, la voglia di rinnovamento rispetto al passato - la nuova società cooperativa nata dalla fusione dei tre cofidi già operanti in Confcommercio, Cofico, Finter, Fidicom, che detenevano nel settore del commercio una quota di mercato pari al 56% circa (dati 2005).
Il progetto di fusione è stato deliberato dalle assemblee straordinarie di Cofico, Finter e Fidicom, presiedute dai rispettivi presidenti Giancarlo Acciaio, Leonello Spitella e Aldo Amoni, con la partecipazione del presidente provinciale Confcommercio Giorgio Mencaroni.

“Con Umbria Confidi la Confcommercio della provincia di Perugia – ha sottolineato nel suo intervento Giorgio Mencaroni - intende rafforzare la propria azione di garanzia al credito a sostegno delle imprese associate, adeguandosi alle nuove esigenze poste dal mercato, dalla nuova legge sui confidi e dall’entrata in vigore di Basilea 2, che impongono importanti cambiamenti sul sistema delle garanzie”.

Decisamente importanti i “numeri” del nuovo confidi: 5,7 milioni di euro di fondi rischi che garantiranno circa 170 milioni di euro di operatività (attualmente le operazioni garantite ammontano a 106 milioni di euro), 18 le banche convenzionate, 7.500 i soci, una rete composta da 14 sportelli sul territorio e 5 assistenti finanziari.

“Oggi - ha evidenziato il presidente della Cofico, Giancarlo Acciaio - ci troviamo di fronte ad un sistema normativo che valorizza i confidi e l’attività di garanzia ma che, nel contempo, richiede una professionalità crescente, strutture organizzate, efficienza gestionale. Ed è in questa direzione che noi vogliamo andare”.
“Con Umbria Confidi
- ha aggiunto Aldo Amoni, presidente Fidicom - vogliamo diventare più solidi, capitalizzati e professionalizzati, per fornire alle imprese un supporto qualificato ed offrire una garanzia modulata in base al rischio del finanziamento, rispondendo all'esigenza delle banche di collegare i processi commerciali a quelli di valutazione del rischio e di assorbimento patrimoniale. Obiettivi che intendiamo perseguire senza perdere di vista i punti di forza che hanno consentito la crescita dei nostri confidi ed i circuiti virtuosi determinati nel rapporto con le banche, enti e istituzioni, adottando soluzioni che consentano un punto di equilibrio tra le esigenze di specializzazione e di crescita dimensionale e le ragioni del radicamento territoriale”.
“Anche se dovesse subire uno “scivolamento” di fatto rispetto alla entrata in vigore prevista per il primo gennaio 2007 – ha concluso Leonello Spitella, presidente Finter -Basilea 2 è divenuto per le banche, già in questi ultimi mesi, uno strumento o, spesso e volentieri, una palizzata dietro alla quale trincerarsi per giustificare un irrigidimento delle procedure di concessione dei finanziamenti. Il pericolo è che il singolo soggetto venga valutato e stimato con meccanismi diversi da quelli noti, per le piccole imprese più rigidi e standardizzati, con una minor autonomia lasciata agli addetti di front office o titolari con conseguente . In questo contesto i confidi rivestono un ruolo cruciale di supporto per le banche, come importanti strumenti di conoscenza del sistema locale delle imprese grazie al forte radicamento sul territorio. Attraverso i confidi le banche possono avere un presidio stabile e costante sul territorio in un mondo bancario in continua evoluzione. E’ questa la sfida che con Umbria Confidi ci siamo preparati ad affrontare”.

(13-12-2006)




[torna ai risultati]
 


Periodo dal

al

Argomento

Parola chiave:


torna ai risultati
 


Pubblicato in S.Mariano - Perugia - Italia - Ultimo aggiornamento: 13-12-2006 alle :