inUmbria on line nelCentro on line inItalia on line in Europa on line nel Mondo on line nellUniverso on line
 
 
| Home | sul sipario | libri da vedere | links | contatti |
 

cronaca

Quanti stranieri in Umbria

Tanti, in tutto più di 56.000, una compagine non compatta per sesso e provenienza, ma sempre più e meglio inserita, grazie anche ai numerosi riavvicinamenti familiari


La Regione Umbria ha fatto il punto sulla situazione immigrati che, dati alla mano, ammontano a 56.385 unità. Tale cifra corrisponde al 6,6% dell’intera popolazione umbra, percentuale che ci pone al di sopra sia della media nazionale che di quella europea.

Vien da sé che l’incremento della presenza straniera ha visto negli anni anche un inserimento degli occupati immigrati nel mondo produttivo che a sua volta ha comportato un incremento dei ricongiungimenti familiari, nonché la crescita dei minori iscritti negli istituti scolastici.

Dal punto di vista della predominanza numerica di un sesso sull’altro, possiamo notare che il 90% della componete ucraina, è di genere femminile, così come il 72,8% di quella polacca e l’89% di quella russa.

Guardando invece il volume complessivo, allora è la comunità albanese quella più consistente,costituita da 6.474 unità a Perugia e 1.613 a Terni; a seguire, il record numerico riguarda, a Perugia, la popolazione del Marocco (4.525 presenze) e poi quella della Romania (3.366), a Terni invece in seconda posizione ci sono i 1.599 Romeni e poi 1.074 Ucraini.

Andando a vedere a che titolo tali presenze sono registrate presso la nostra Regione, emerge che il 59,4% ha un soggiorno per lavoro dipendente, il 3,4% per lavoro autonomo, sono poi i cospicui ricongiungimenti familiari ad avere fatto salire il numero dei permessi di soggiorno per motivi familiari che sono giunti così a quota 11.128, in pratica cioè il 25,4%.

Negli ultimi quattro anni infatti, stando ai numeri forniti dai centri per l’impiego e dall’Inail, il 25% dei nuovi occupati in Umbria sono stranieri. Tale dato risulta in tutta la sua rilevanza, specialmente se confrontato a livello nazionale: è evidente infatti che in Umbria la manodopera straniera è assai cospicua e nel 2005 solo Trentino, Friuli, Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna hanno fatto registrare quote superiori di domanda soddisfatta con immigrati.

(16-10-2006)




[torna ai risultati]
 


Periodo dal

al

Argomento

Parola chiave:


torna ai risultati
 


Pubblicato in S.Mariano - Perugia - Italia - Ultimo aggiornamento: 16-10-2006 alle :