inUmbria on line nelCentro on line inItalia on line in Europa on line nel Mondo on line nellUniverso on line
 
 
| Home | sul sipario | libri da vedere | links | contatti |
 

cultura

Loredana Frescura, da Papiano... alle stelle

Orgoglio campanilistico c’impone di segnalare il successo della scrittrice di casa nostra, già autrice di numerosi libri, oggi ospite di Costanzo per presentare il suo ultimo romanzo


Oggi, Mercoledì 20 settembre 2006, Loredana Frescura sarà ospite di Maurizio Costanzo alle ore 17:05 su Canale 5 nella trasmissione "Buon Pomeriggio", per presentare il suo ultimo romanzo, edito da Fanucci, "Elogio alla Bruttezza".

Chi è Loredana Frescura
È una scrittrice nata in una piccola frazione del comune di Marsciano, in provincia di Perugia: Papiano, cittadina in cui tutt’oggi risiede.
Nella vita è un’insegnante di scuola elementare, attività che svolge ormai da tempo, cioè dal 1985.
Per il resto ha passioni comuni, come il cinema, la musica… ed un’altra che però, piano piano, l’ha fatta diventare famosa: la scrittura.
Il suo esordio ha avuto luogo nel 1994 con Il segreto di Icaro (edito da Piemme), un testo subito selezionato fra i cinque finalisti del premio “Il Battello a Vapore” città di Verbania 1994. Poi, nel 1997 ha ricevuto il premio “città de Cingoli”.

Le sue opere
Il segreto di Icaro , Piemme, 1995
Il fantasma dispettoso, Raffaello, 1998
Protov non dimentica, Raffaello, 1999
Tornare per non dimenticare, Edumond Le Monnier, 1999
Non mi piace il fatto che sei bella, Fabbri, 2000
Quando per la prima volta diventai cicogna, Fabbri, 2001
Le nuvole da latte, Fabbri, 2002
Non rubatemi l'inverno, Fabbri, 2002
Icaro tra i vikinghi, Città Nuova, 2002
La banda dei vermi, Raffaello, 2002
Non sono Cenerentola, Fabbri, 2003
Il cuore sulla fronte. Due ragazze, l'handicap, la vita, Fabbri, 2004
Il mondo nei tuoi occhi. Due storie di un amore, con Marco Tomatis, Fanucci, 2006
Elogio alla bruttezza, Fanucci, 2006, in uscita

"Elogio alla Bruttezza"
Questo romanzo è la storia di Marcella, un’adolescente di quattordici anni non compiuti, che frequenta la terza media. È figlia di due genitori “distratti” dai propri problemi personali, ed ha un fratello più grande che è, beato lui, bellissimo… talmente bello, ahimè, da vergognarsi di avere una sorella così.
Marcella dice: “lo sono brutta. Lo sono sempre stata e non c'è speranza di avere il medesimo destino del brutto anatroccolo che poi si scopriva cigno. Una favola con la fregatura: ecco cos'è in realtà”.
Con la sua migliore amica Giorgia condivide la medesima sorte: l’amichetta infatti, “grazie” all’apparecchietto ortodontico fisso, si fregia dell’appellativo "Enterprise"…
Capita allora che Marcella, sceglie come argomento della sua tesina d’esami un "Elogio alla bruttezza", un vero libello che grida il suo bisogno d revance, ma anche la sua acuta ironia (sarà anche bruttina, ma è tutt’altro che stupida).
Il finale… non si racconta mai.

(20-09-2006)




[torna ai risultati]
 


Periodo dal

al

Argomento

Parola chiave:


torna ai risultati
 


Pubblicato in S.Mariano - Perugia - Italia - Ultimo aggiornamento: 20-09-2006 alle :