inUmbria on line nelCentro on line inItalia on line in Europa on line nel Mondo on line nellUniverso on line
 
 
| Home | sul sipario | libri da vedere | links | contatti |
 

cultura

Artevita, debutta stasera l’arte per l’infanzia

Il progetto Artevita è un grande contenitore: ci sono sei artisti, ci sono sei imprese, c’è l’arte contemporanea e quella classica di un artista umbro del passato. Tutti insieme per la vita e per le malattie rare infantili


Si chiama Artevita il progetto pluriennale nato dall’idea di Paolo Tramontana che consiste in alcune iniziative culturali realizzate con l’intento ultimo di raccogliere fondi da destinare alla Ricerca sulle malattie rare dell'infanzia.
“Questo progetto vuol mettere in contatto la realtà dell'arte con il mondo imprenditoriale, generare un legame tra più persone, soggetti pubblici e privati, con esperienze e interessi diversi, la cui motivazione principale è quella di creare un evento legato al valore della vita”, dice Tramontana.
Come può beneficiare l’arte di questo rapporto, per così dire, insolito? L'artista, offrendo il proprio lavoro alla nobile causa, crea la possibilità per l'uomo imprenditore di donare il proprio contributo economico (ricevendo in cambio il deposito temporaneo dell'opera) a favore di associazioni che si occupano di patologie infantili complesse e rare. Lo scambio tra l'opera dell'artista ed il contributo economico dell'azienda nei confronti delle associazioni, tutte legate al mondo del sociale, genera così per l'artista un riconoscimento che non ha prezzo, infonde all'opera un valore assoluto al di fuori delle logiche di mercato” spiega ancora l’ideatore del progetto Artevita.

La mostra è promossa dalla Regione Umbria, dal Comune di Perugia e dalla Fondazione Guglielmo Giordano con il patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, della Galleria Nazionale dell'Umbria che la ospita, della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia e di Confindustria Perugia e altro non che la prima battuta del progetto.
Si tratta di un’esposizione nella quale si trovano vicini, così come nel progetto stanno insieme artisti ed imprenditori, l’arte classica, nella fattispecie un frammento di un'opera del Pinturicchio (che si riteneva perduta) e l’arte contemporanea, nello specifico sei opere di sei grandi artisti italiani viventi.

La mostra è stata presentata in anteprima alla stampa Giovedì 14 settembre, alle ore 11,00 presso la Sala conferenze della Galleria Nazionale dell'Umbria, ma aprirà ufficialmente i battenti per il grande pubblico stasera, 16 settembre, proprio in concomitanza, anzi, in occasione della Notte bianca. Resterà poi aperta al pubblico fino all'8 ottobre.

Le aziende di Artevita

The first brick
"The First Brick" è un network di società high-tech nel settore dei servizi e attività speciali per la gestione e valorizzazione dei patrimoni edilizi in genere e di quelli storico-artistico-monumentali e culturali in particolare.
Questa rete di servizi integrati, operante oramai da oltre vent'anni, è costituita da sette società con sede principale a San Mariano di Corciano all'interno della Città della Tecnologia, ed altre sedi tra Milano e Roma.
"Il primo mattone" offre servizi integrati in vari settori di alta tecnologia, sviluppando rapporti con Università, centri di ricerca, Istituzioni, imprese in Italia e all'estero.

Emu
Emu Group S.p.A. rappresenta, nell'arredamento per esterni, una delle aziende più all'avanguardia, in grado di coniugare il rispetto della tradizione con la ricerca di innovazione ed il gusto contemporaneo. Grazie al design, alla qualità delle lavorazioni e alla versatilità dei suoi prodotti, Emu è diventata un punto di riferimento internazionale del "made in Italy" nell'arredo degli spazi aperti, con una ragguardevole presenza e visibilità, a livello mondiale, nella fascia alta di mercato del "lusso accessibile".

Fabiana Filippi
La Fabiana Filippi Cashmere è “la maglia, nella sua espressione aulica”, fatta cioè di fibre nobili come merino extrafine, cashmere, sete e lini. Rappresenta una tradizione, quella manifatturiera del bacino umbro, capace di regalare ai capi un'anima. L’azienda, fondata da due giovani imprenditori alla fine degli anni ‘80, viaggia oggi sui binari della qualità, dell'innovazione tecnologica, dello stile.

Listone Giordano
Margaritelli nasce nel 1870 ad opera di Eugenio Margaritelli come azienda specializzata nella produzione di utensili meccanici per l'agricoltura e le lavorazioni forestali; oggi è un grande gruppo multibusiness che opera in diversi settori industriali. Nel 1904 l'azienda "lega" al legno la propria storia, oggi il Gruppo Margaritelli è riconosciuto sinonimo di cultura del legno in Italia e nel mondo.

Mastro Raphaël
Mario Arcangeli ha coniato un marchio che racchiude in sé valori ben precisi: amore per le proprie radici e attaccamento alla tradizione.
Un'inclinazione naturale, sfociata nel piccolo laboratorio artigiano da cui è nata un'azienda di successo internazionale.
Dal passato Mastro Raphaël ha tratto la propria linfa vitale: l'amore per la bellezza tramandata da una ricca tradizione tessile. Ma è con la tecnologia del presente che i tesori di ieri si trasformano in gioielli di estetica, funzionalità, durevolezza. L'iter delle lavorazioni viaggia su un percorso di modernità, di aggiornamento tecnologico.

Sonia Galassi
L'attività della Sonia Galassi nasce nell'ottobre 1994 con l'apertura del primo punto vendita di gioielleria a Ferro di Cavallo di perugia. L'inizio attività mette a frutto l'esperienza dei titolari maturata con un laboratorio orafo, tutt'ora aperto, ed un ingrosso operanti fin dal 1988.
Nel marzo 2003 è stata inaugurata la nuova grande struttura di Ellera di Corciano, dove oltre alla gioielleria hanno trovato spazio le bomboniere,gli articoli da regalo e le liste nozze. Tutto ciò ha consentito di ampliare notevolmente la gamma dei prodotti offerti, che spaziano dai gioielli, agli orologi, all'argenteria, ai cristalli, alle porcellane.

Le opere degli artisti contemporanei

Sauro Cardinali Notte, 2003

Enrico Castellani Superficie bianca, 2005

Eliseo Mattiacci Orizzontale, 2003

Pietro Fortuna Saulo, 2006

Nuvolo Bianco collage, 1962

Marco Tirelli Senza titolo, 2003

Tali lavori saranno esposti in un percorso che si conclude con un’altra opera risalente al 1492 circa, il Bambin Gesù delle mani di Bernardino di Betto, detto il Pinturicchio.
È questo un dipinto “a fresco” su muro, che l'artista umbro realizzò per gli appartamenti Borgia del palazzo Vaticano, oggi acquisito dal Gruppo Margaritelli e affidato alla Fondazione Guglielmo Giordano.
Questa ha consentito che l’opera d Pinturicchio venisse in quest’occasione esposta al pubblico in anteprima mondiale.

Bambin Gesù delle mani
E un dipinto che raffigura un Bambin Gesù benedicente, ecco qui il tema dell’infanzia, retto e sostenuto da tre mani di ignoti personaggi che non sono rappresentati nell’opera.
Sono decisamente intricate ed interessanti le vicende di questo affresco perduto, giocate sullo sfondo rinascimentale in cui sono protagonisti Alessandro VI e la principessa Giulia Farnese, quella nobile donna romana di cui, a quanto pare, il papa della famiglia Borgia era amante.
Proprio a causa di questa relazione non politicamente corretta, l’affresco vaticano ha subito la "damnatio memoriae" consistente nella distruzione… solo parzialmente, nonché nascostamente portata a compimento: la sua incontenibile bellezza lo ha salvato.

Per chi volesse saperne di più, la singolare storia dell'opera si può leggere nel catalogo scientifico, edito da Quattroemme e curato da Franco Ivan Nucciarelli, con una prefazione di Claudio Strinati.

ASSOCIAZIONE ITALIANA MUCOPOLISACCARIDOSI E MALATTIE AFFINI onlus
via Savona, 13 - 20144 - Milano -
tel. 0283241292 / fax 0289425180
www.mucopolisaccaridosi.it - info@mucopolisaccaridosi.it

Coordinate per donazioni all'Associazione Italiana Mucopolisaccaridosi (fiscalmente deducibili)
Banca SAN PAOLO - IMI filiale 31 di Milano - CIN U -
ABI 01025 - CAB 01633 C/C 000010001800
Conto Corrente Postale 17527433

In occasione di artevita 2006, conoscendo l'importante realtà associativa operante nel contesto regionale e tenendo conto delle caratteristiche del progetto, si è ritenuto coerente donare parte del ricavato a due associazioni presenti nel territorio:
"Comitato Daniele Chianelli" (www.comitatochianelli.it)
"Comitato Amici di Pietro" (www.amicidipietro.org)

(16-09-2006)

Link consigliati:
Artevita



[torna ai risultati]
 


Periodo dal

al

Argomento

Parola chiave:


torna ai risultati
 


Pubblicato in S.Mariano - Perugia - Italia - Ultimo aggiornamento: 16-09-2006 alle :