inUmbria on line nelCentro on line inItalia on line in Europa on line nel Mondo on line nellUniverso on line
 
 
| Home | sul sipario | libri da vedere | links | contatti |
 

cultura

Ad Assisi, il Gruppo di Scicli

In mostra dal 16 settembre al 16 ottobre 2006, presso la Sala Mostre dei Beni Culturali Cappuccini, nove pittori/scultori e venticinque anni di storia dell’arte italiana


Assisi racconta Scicli: dal Cantico delle Creature alla celebrazione della Natura che chiede di diventare linguaggio. Sabato 16 Settembre 2006 alle ore 18.00 verrà inaugurata, alla presenza degli artisti, la mostra dedicata al Gruppo di Scicli. In mostra opere di Piero Guccione e Franco Sarnari.

Il Gruppo di Scicli: nove pittori/scultori e venticinque anni di storia dell’arte italiana. Nove artisti/amici raccolti in un gruppo artisticamente fertile che affonda le sue radici in un luogo così circoscritto come Scicli.
Un percorso poeticamente sensibile al sociale e pittoricamente fedele ai luoghi all’origine della loro aggregazione.

È il 1980: Piero Guccione è tornato nella sua terra con Sonia Alvarez conosciuta a Parigi e ritrova Franco Sarnari. Per Sarnari, romano, la Sicilia non è un luogo dove tornare ma “un luogo dolcissimo e sonnolento, splendido nella sua estraneità”.
A Scicli, sono tornati, freschi d’accademia, Franco Polizzi e Carmelo Candiano per provare a viverci, a dipingere e a scolpire, con una pulsione voluttuosa per catturare lo spazio e la luce. La crescita economica dell’area e la scelta di Comiso come terra dei missili li spinge a difendere l’equilibrio tra natura e società in rapida trasformazione.

È il 1980: a Scicli cinque artisti scoprono “il rapporto, sottilmente drammatico che intercorre tra il luogo dove hanno avuto la ventura d’incontrarsi e il loro lavoro”. Per loro “il silenzio di questi
spazi, gli echi profondi di una civiltà sedimentata; il grigio rosato dei tufi; le forme cupe e assolate siano esse carne o pietra, alberi o fiori, angoli di corpi o di case in piena luce o nella quieta e inquietante penombra chiedono di divenire linguaggio”.

È il 1981: a Scicli non esiste ancora un gruppo poi, un giorno, Guttuso, durante un’intervista sullo stato dell’arte in Italia parla di Scicli dove: “c’è una piccola scuola di pittori di cui l’Italia non
sa nulla, di cui le Biennali non sanno niente, non vogliono saperne niente o non gliene importa niente di saperlo”
.
Piero Guccione, Sonia Alvarez, Franco Sarnari, Franco Polizzi e Carmelo Candiano, la scuola di Scicli, si erano trovati insieme spontaneamente e spontaneamente cominceranno a proporsi insieme
lasciando la porta aperta agli artisti che si riuscivano a individuare nell’area. Unico presupposto il talento e la bontà del dipingere.

Oggi, ad Assisi, ai cinque fondatori si sono aggiunti Giuseppe Colombo, Salvatore Paolino, Giuseppe Puglisi e Pietro Zuccaro, due artisti di Modica e due artisti di Catania.

Oggi, ad Assisi, sono otto pittori e uno scultore che hanno in comune “il dipingere, il figurare, l’inseguire gli invisibili fantasmi della realtà che si celano dietro le apparenze”.

Dove
Sala mostre dei Beni Culturali Cappuccini
Via San Francesco, 19
Assisi

Quando
16 settembre – 16 ottobre 2006
da martedì a domenica
dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 20.00
Ingresso libero

Per informazioni e prenotazioni visite guidate:
Dir'Arte
www.dirarte.it
info@dirarte.it
tel. 0932.947456

(15-09-2006)




[torna ai risultati]
 


Periodo dal

al

Argomento

Parola chiave:


torna ai risultati
 


Pubblicato in S.Mariano - Perugia - Italia - Ultimo aggiornamento: 15-09-2006 alle :