inUmbria on line nelCentro on line inItalia on line in Europa on line nel Mondo on line nellUniverso on line
 
 
| Home | sul sipario | libri da vedere | links | contatti |
 

cultura

“Chi è di scena?”

È stata Stipulata una convenzione di tirocinio e formazione tra l’Istituzione Teatro “A. Belli” e l’Istituto professionale di Stato per i servizi alberghieri e turistici di Spoleto


L’Istituzione spoletina ha stipulato nei giorni scorsi con l’Istituto professionale di Stato per i servizi alberghieri e turistici di Spoleto una convenzione di tirocinio di formazione ed orientamento relativa al monitoraggio della qualità dei servizi offerti dall’Istituzione stessa. Si aggiunge dunque un nuovo tassello del programma “Chi è di scena? - Le scuole all’Opera” promosso e realizzato già da cinque anni dal Teatro Lirico Sperimentale.
Gli allievi della classe V sez. A ad indirizzo turistico effettueranno uno stage in occasione della LX Stagione Lirica del Teatro Sperimentale e della Stagione Lirica Umbra: l’attività sarà articolata in una fase “teorica” di preparazione ed analisi dei dati raccolti, ed in una “pratica” di assistenza di sala, da svolgersi in occasione di ciascuno degli spettacoli che si terranno a Spoleto e nel corso della tournèe umbra (teatri di Perugia, Assisi, Todi, Terni, Città di Castello, ed altri probabili in via di definizione).
Gli allievi intervisteranno il pubblico degli spettacoli presente in sala al fine di consentire una più efficace programmazione dei tempi e dei modi di articolazione dei progetti futuri del Teatro Lirico Sperimentale.
Tale innovativo progetto di monitoraggio, sviluppato sull’esempio di altre realtà che gestiscono la programmazione sia della lirica che della prosa nei Teatri di Emilia Romagna, Lombardia e Trentino Alto Adige, va oltre le consuete iniziative già sperimentate nella nostra Regione.
Dopo aver aperto le porte del Teatro alle scuole (con un progetto già avviato da alcuni anni con successo proprio dallo stesso Sperimentale, insieme al Concorso riservato agli allievi degli Istituti) o a chi in Teatro non è mai entrato (come avvenuto per esempio nel 2002 in occasione de “L’Italiana in Algeri” in collaborazione con lo Sportello interculturale del Comune di Spoleto e l’associazione “Es salam”) il Teatro Lirico si apre alle necessità del territorio e della sua popolazione, proponendosi di verificare quali siano le esigenze del pubblico, di ampliare e differenziare l’offerta culturale proposta, nonché di agevolare il processo di fidelizzazione, di acquisizione di nuovi bacini di utenza e soprattutto di soddisfare la domanda inespressa di prodotto culturale.
Ciò a dimostrazione del fatto che il Teatro Lirico, giunto quest’anno al 60° anniversario dalla Fondazione, non considera affatto questo traguardo come un punto di arrivo. Consapevole di rappresentare l’unica realtà organica nel campo dell’Opera lirica in Umbria, lo Sperimentale affronta quotidianamente la sfida di offrire, in un tempo di pseudo-cultura massificata, iniziative culturali di alto valore artistico e professionale, fruibili da chiunque ed a costi contenuti, costituendo occasione di formazione, di promozione culturale e turistica, di aggregazione sociale e sviluppo economico per l’intera Regione.
I risultati raccolti serviranno pertanto a sviluppare nuovi criteri di collaborazione con strutture turistiche e ricettive nel comprensorio, volti a creare pacchetti ed offerte turistiche in grado di soddisfare le esigenze dello spettatore, del turista e della popolazione residente.
L’attività sarà direttamente seguita dal Direttore Generale Claudio Lepore, dal M° Andrea Amarante della Segreteria Artistica dell’Istituzione nonché dalla docente prof.ssa Aurora Gasperini dell’Istituto Alberghiero di Stato.

(30-08-2006)




[torna ai risultati]
 


Periodo dal

al

Argomento

Parola chiave:


torna ai risultati
 


Pubblicato in S.Mariano - Perugia - Italia - Ultimo aggiornamento: 30-08-2006 alle :