inUmbria on line nelCentro on line inItalia on line in Europa on line nel Mondo on line nellUniverso on line
 
 
| Home | sul sipario | libri da vedere | links | contatti |
 

ambiente

“I volti dell’acqua”

Il Centro Multimediale di Terni, la Regione Umbria e l’Istituto per la Cultura e la Storia d’Impresa, nell’ambito del progetto europeo “Mediauvis”, propongono una mostra multimediale e interattiva, a Terni dal 12 settembre al 31 ottobre 2006


La mostra multimediale e interattiva dal titolo “I volti dell’acqua” si terrà a Terni presso il Teatro C del Videocentro dal 12 settembre al 31 ottobre 2006.
La mostra ideata e realizzata da Centro Multimediale di Terni Spa e Regione Umbria, con la collaborazione dell’ICSIM (Istituto per la Cultura e la Storia d’Impresa) che ne ha curato la supervisione scientifica e patrocinata dal Comune di Terni e Comune di Narni, esplora il tema dell’Acqua come fonte di energia e come elemento caratterizzante il paesaggio, con particolare riferimento al comprensorio ternano-narnese.
La mostra è un’iniziativa proposta nell’ambito del progetto europeo “Mediauvis” (di cui la Regione Umbria ed il Centro Multimediale Spa in qualità di soggetto attuatore, sono partner insieme a Regione Lazio, Bic Lazio, Europei di Siviglia, Università di Malta, Comune di Bologna) finanziato con fondi del Programma Interreg III B MEDOCC finalizzato al sostegno e lo sviluppo del settore audiovisivo attraverso le tecnologie digitali, nei paesi del Mediterraneo occidentale.
La mostra approfondisce quattro aspetti (volti) relativi all’acqua ovvero: La Sacralità, La Funzionalità, L’Energia, La Vivacità, proponendo al visitatore un percorso in cui può rivivere, osservare, scoprire come nell’arco di 2000 anni, dall’epoca romana ai giorni nostri, gli uomini si siano confrontati con le risorse idriche talvolta modificando e progettando i corsi d’acqua esistenti.
Ogni volto esprime un modo di pensare e affrontare il tema proposto.
Installazioni video, postazioni interattive, effetti audio e luci conducono il visitatore dentro paesaggi, luoghi che ricostruiscono e animano strutture e ambienti persi nella memoria.
Si passa poi agli approfondimenti grafici con pannelli di testo e fotografici che spiegano le diverse rappresentazioni e propongono immagini inedite del territorio.

La sacralità
Il percorso comincia affrontando il primo volto, con la visione di un video della durata di 5 min. in cui una voce narrante spiega gli scenari del sistema idrico locale, dei corsi d’acqua e dei fiumi nelle varie epoche 1200-1400, 1600,1800-1900.
Il video è realizzato su base tridimensionale del terreno e sovrapposizioni grafiche con didascalie e titoli e proiettato sul lightcube struttura monolitica a forma geometrica pura, realizzato in lastre di vetro temperato dal quale si ottengono immagini di alta qualità grazie ad un sistema di retroproiezione video.

La Funzionalità
La seconda area rappresentata dalla Funzionalità, è dedicata alla proiezione di video tridimensionali, su postazioni interattive, delle ambientazioni interne di due Molini, Porta Sant’Angelo e Porta Spoletina con descrizione del funzionamento meccanico della presa d’acqua.
Nell’archeoscreen, stele in plexiglass trattata con una speciale pellicola per l’apparizione di immagini olografiche, è proposta una rivisitazione dell’Ara di Nettuno.
L’antico altare risalente al I sec. A.C. rinvenuto nei pressi del canale curiano della Cascata delle Marmore è probabilmente un ex voto realizzato da un portitor (traghettatore) tale Lucius Valerius Menander e dedicato al Dio delle Acque, Nettuno.

L’Energia
Il visitatore viene introdotto nella terza area attraverso un’esperienza acustica dove un gioco di luci, immagini e suoni simulano un ambiente acquifero.
L’aspetto affrontato in questa parte della mostra, valorizza l’importanza dell’acqua per l’impiego nelle centrali idroelettriche ai fini della produzione industriale.
In una postazione interattiva un video propone la ricostruzione tridimensionale, esterno ed interno, della sala Velino-Pennarossa e della Cabina 120.000 V della Centrale Idroelettrica di Papigno.
In una saletta attrezzata viene proiettato un racconto di quindici minuti di Ascanio Celestini, autore ed interprete teatrale, rilasciato in esclusiva al Centro Multimediale di Terni appositamente per la mostra.
La narrazione è un misto di ricordi, emozioni, esperienze vissute dallo stesso attore/autore a Terni, durante la raccolta di testimonianze per l’elaborazione del testo di “Fabbrica”.

La Vivacità
Il quarto volto affronta il tema degli usi ricreativi e turistici di questa ricchezza del nostro territorio.
Oltre alle postazioni interattive in cui è possibile approfondire questi aspetti, si può assistere alla proiezione di un video sul paesaggio naturalistico e storico che caratterizza il Parco Fluviale del Nera ed alla retroproiezione su schermo trasparente, di un filmato inedito, della durata di tre minuti, dal titolo Salti e laghi del Fiume Velino realizzato dalla Cines nel 1912.
Un’elaborazione video trasmessa su videowall chiuderà il percorso e la visita alla mostra.

I VOLTI DELL’ACQUA
Mostra Multimediale e Interattiva

Durata: 12 settembre – 31 ottobre 2006
Luogo: Terni, Videocentro
Apertura: dal martedì alla domenica ore 10.00-13.00 e 17.00-20.00
Ingresso libero

Informazioni:
Centro Multimediale di Terni spa
P.le Bosco, 3/a - Terni
Sito web: www.centromultimediale.it; www.ivoltidellacqua.it

(28-08-2006)




[torna ai risultati]
 


Periodo dal

al

Argomento

Parola chiave:


torna ai risultati
 


Pubblicato in S.Mariano - Perugia - Italia - Ultimo aggiornamento: 28-08-2006 alle :