inUmbria on line nelCentro on line inItalia on line in Europa on line nel Mondo on line nellUniverso on line
 
 
| Home | sul sipario | libri da vedere | links | contatti |
 

spettacolo

I sessant’anni dello Sperimentale

L'Avvocato Belli è entusiasta per il Consiglio Comunale del 29 giugno per le celebrazioni del Teatro Lirico Sperimentale e del baritono Renato Bruson: “Richiediamo che siano scongiurati i tagli alle risorse indispensabili per la nostra attività”


Questa la dichiarazione del Presidente del Teatro Lirico Sperimentale Avv. Carlo Belli: "Ho ricevuto la notizia che il Consiglio Comunale di Spoleto festeggerà insieme a noi lo "Sperimentale" giovedì 29 giugno a Palazzo Ancaiani alle ore 18.00 e sono veramente commosso e grato alla Città di Spoleto, alla Presidenza del Consiglio Comunale e al Sindaco di Spoleto per questa bella iniziativa che si affianca all'omaggio a Renato Bruson, storico artista dello Sperimentale che compie proprio nel 2006 i quarantacinque anni dal suo debutto in carriera, debutto avvenuto al Teatro Nuovo di Spoleto nella Stagione Sperimentale 1961.
È un'importante iniziativa che conferma l'affetto della città verso una tra le più importanti Istituzioni culturali dell'Umbria e non solo. Vorrei che il Consiglio Comunale sia anche un momento di riflessione sul futuro e l'attualità del nostro Teatro, che vive un periodo particolarmente difficile come tutto il mondo della cultura e dello spettacolo. Desidero anche che questo evento ufficiale sia occasione per una riflessione da parte dei politici locali, regionali e nazionali che saranno presenti. Richiediamo che siano scongiurati i tagli alle risorse indispensabili per la nostra attività.
Ma chiediamo anche che venga finanziato il progetto presentato al Ministero per i Beni e le Attività Culturali per celebrare nel migliore dei modi i nostri sessant’anni di lavoro che prevedono un grande concerto celebrativo con alcuni dei più importanti artisti della scena internazionale nati artisticamente a Spoleto. Altro desiderio sarebbe quello di vedere in prima linea a sostenerci in maniera ancora più tangibile imprenditori locali e regionali, aziende richiedendo anche agli istituti bancari che ci sono vicini e che ringraziamo un ulteriore sostegno in occasione di questo nostro importante compleanno.
Sostenere la musica, la cultura significa sostenere noi stessi, la nostra storia, il passato e il futuro. Si è italiani non solo perché ci piace la "Nazionale" di calcio. Il vantaggio di essere italiani è il valore aggiunto ereditato, fatto di operosità, creatività, arte e cultura. E se si vuole essere leader nella propria attività non si può non pensare alle radici, alla storia fatta e intrisa di cultura, musica, arte. È opportuno quindi che la realtà imprenditoriale della nostra città si impegni ancora di più in questo settore, e cioè quello della musica".

(29-06-2006)




[torna ai risultati]
 


Periodo dal

al

Argomento

Parola chiave:


torna ai risultati
 


Pubblicato in S.Mariano - Perugia - Italia - Ultimo aggiornamento: 29-06-2006 alle :