inUmbria on line nelCentro on line inItalia on line in Europa on line nel Mondo on line nellUniverso on line
 
 
| Home | sul sipario | libri da vedere | links | contatti |
 

cultura

Spoleto e l’Umbria in Ungheria

Trionfano i cantanti del Teatro Lirico Sperimentale a Budapest: “l’Umbria e Spoleto rappresentano di fatto la cultura, l’arte, l’ingegno italiano in modo ineccepibile


Oltre quattrocento persone hanno affollato il 22 giugno, la splendida sala dell’ex Parlamento Ungherese ora sede dell’Istituto Italiano di Cultura per il Concerto che ha visto protagonisti i cantanti del Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto “A. Belli”.
I baritoni, Costantino Finucci, Omar Montanari, il soprano Yasuko Sato , il mezzosoprano Veronica Simeoni, il tenore Andrea Carè, accompagnati al pianoforte dal maestro Andrea Certa, hanno interpretato celebri arie di opere di Verdi, Rossini, Donizetti, Mozart, Bellini.

Il pubblico entusiasta ha chiamato al proscenio i cantanti dello Sperimentale ben otto volte applaudendo ripetutamente gli artisti italiani. Successo meritato per l’ottima prestazione avvalorato anche dal saluto e dalle felicitazioni del celebre soprano ungherese Eva Marton, Direttore Artistico dell’International Opera Festival di Miskolc, il maggiore festival lirico ungherese.
La Signora Marton, tra le più acclamate star della lirica a livello mondiale, si è complimentata con il Direttore Generale, Claudio Lepore, e con il Direttore Artistico il Maestro Michelangelo Zurletti per la qualità degli artisti presentati e per l’ottima scelta del repertorio proposto.

Al termine del concerto è avvenuto anche l’incontro dell’Assessore al Turismo e Cultura del Comune di Spoleto, oltre che membro del Consiglio Direttivo dello Sperimentale, Giorgio Flamini, con la Signora Marton, un incontro cordiale, premessa alla riunione che si terrà oggi a Miskolc. L’Assessore Flamini a nome dell’Amministrazione Comunale di Spoleto e del Sindaco di Spoleto Massimo Brunini, ha inoltre donato una ceramica d’autore dell’artista Raspi all’Ambasciatore d’Italia Spinelli che conosce già il Teatro Lirico Sperimentale per i successi riscossi a Budapest e Miskolc negli scorsi anni.

La giornata era iniziata con la conferenza-presentazione alle ore 11,00 presso la sala convegni dell’Istituto Italiano di Cultura nella quale è stata presentata la storia, l’arte, la cultura di Spoleto e del suo territorio, ma anche del comprensorio più allargato che ricomprende Foligno-Bevagna-Trevi-Montefalco e la Valnerina e cioè il territorio del Sistema Turistico Locale Valli e Monti dell’Umbria antica.

L’Ambasciatore Spinelli ha sottolineato come l’Umbria e Spoleto rappresentano di fatto la cultura, l’arte, l’ingegno italiano in modo ineccepibile. Il Maestro Zurletti ha invece presentato l’attività dello Sperimentale. Il Direttore Generale Lepore ha evidenziato la collaborazione già da due anni avviata con l’importante Festival Internazionale di Miskolc che ha visto il Teatro Lirico Sperimentale protagonista lo scorso anno con l’opera “L’Italiana in Algeri” di G. Rossini per la regia di Giorgio Pressburger e quest’anno con due concerti lirici a Budapest e a Miskolc.

Al termine della conferenza alla quale hanno partecipato giornalisti, operatori turistici e operatori culturali è stata organizzata una degustazione dei prodotti dell’Azienda “Fortunati Tartufi” e della Cantina Sociale dei Colli Spoletini. Nel successivo incontro con l’Ambasciatore Spinelli, Lepore ha proposto di operare nei prossimi mesi in Ungheria sotto l’egida della nostra rappresentanza diplomatica per riuscire a presentare a Budapest nel 2007 l’opera di Rossini “Il Barbiere di Siviglia” nella nuova produzione che lo Sperimentale presenterà il prossimo settembre a Spoleto. Con entusiasmo l’Ambasciatore Spinelli ha assicurato il pieno appoggio alla proposta e la massima collaborazione all’iniziativa.

(26-06-2006)




[torna ai risultati]
 


Periodo dal

al

Argomento

Parola chiave:


torna ai risultati
 


Pubblicato in S.Mariano - Perugia - Italia - Ultimo aggiornamento: 26-06-2006 alle :