inUmbria on line nelCentro on line inItalia on line in Europa on line nel Mondo on line nellUniverso on line
 
 
| Home | sul sipario | libri da vedere | links | contatti |
 

politica

Gli studenti stranieri in Umbria

Sono tanti, circa 9,39% tra scuole dell’infanzia, elementari, superiori di primo e secondo grado. Per questo il direttore dell'Ufficio scolastico regionale ritiene sia necessaria “una politica d'inserimento che trasformi le differenze in fattore posit


Al convegno 'La scuola che cambia: alunni di tutto il mondo in Umbria', tenutosi la scorsa settimana ed organizzato dall'amministrazione regionale, hanno partecipato l'assessore alle Politiche sociali, Damiano Stufara, quello alla Formazione, Maria Prodi, il presidente del consiglio regionale, Mauro Tripoli, il rettore dell'università per stranieri, Stefania Giannini, e i rappresentanti delle province di Perugia e Terni, dell'Anci e del Cidis.

Ebbene in tale circostanza è emerso che nel marzo 2006 gli studenti stranieri iscritti nelle scuole umbre erano 10.393. se si considera che la popolazione totale ammonta a 110.684 unità, è allora evidente che gli allievi non italiani ammontano nella nostra regione al 9,39%.
In base ai dati forniti dall'Ufficio scolastico regionale, la percentuale di stranieri iscritti nelle scuole umbre, sale proprio in quelle d'infanzia, dove la presenza di bambini non italiani è dell'11,86%.
Nelle elementari si contano 3.997 piccoli allievi stranieri, cioè a dire l'11,32% del totale.
Andando poi a vedere le cifre relative alla frequenza degli istituti secondari di primo grado, la presenza di stranieri è del 10,53%, mentre in quelli di secondo grado il valore scende al 5,61%.

In particolare gli alunni stranieri che frequentano la scuola nel territorio di Perugia, inoltre, sono 8.409,circa cioè il 10,1%, mentre nelle scuole della provincia di Terni la percentuale di allievi non italiani è del 7,43%.

‘L'Umbria è la seconda regione italiana’, ha detto il direttore dell'Ufficio scolastico regionale, Ugo Panetta, ‘per presenza di alunni stranieri nelle scuole. Per questo motivo, è indispensabile prevedere una politica d'inserimento che non li faccia sentire diversi ma, al contrario, trasformi le differenze in un fattore positivo'.

(29-05-2006)




[torna ai risultati]
 


Periodo dal

al

Argomento

Parola chiave:


torna ai risultati
 


Pubblicato in S.Mariano - Perugia - Italia - Ultimo aggiornamento: 29-05-2006 alle :