inUmbria on line nelCentro on line inItalia on line in Europa on line nel Mondo on line nellUniverso on line
 
 
| Home | sul sipario | libri da vedere | links | contatti |
 

cultura

Riflessioni sulla musica americana contemporanea

Il 13 maggio, per “Solitari occasioni d’arte nella Torre d’Orlando”, a Castiglione della Valle incontro/concerto con il pianista Emanuele Arciuli che si esibirà in un percorso musicale tra le opere di Check Corea, John Adams, Fred Hersch, Frederi


La rassegna “Solitari, occasioni d’arte nella torre di Orlando” è giunta ormai al quarto anno ed ha invitato a Castiglione della Valle il pianista Emanuele Arciuli, uno dei migliori interpreti della nuova generazione italiana che sta lavorando a un nuovo album in cui esegue brani di musica contemporanea americana, della quale è acuto conoscitore.
Nei giorni di permanenza nella Torre di Orlando a Castiglione della Valle, il pianista, metterà a punto il concerto-conferenza che, nella giornata conclusiva di sabato 13 maggio alle ore 18.00, sarà incentrato sul rapporto tra musica contemporanea e jazz. Attraverso la forma del concerto-conferenza, Arciuli condurrà il pubblico allo scoperta dell’opera di Check Corea, John Adams, Fred Hersch e Frederic Rzewski.

Per informazioni
posti limitati - prenotazioni: tel.075-8787869 – 348-3820519
Torre di Orlando, Castiglione della Valle (Perugia)
www.torrediorlando.it - arte@torrediorlando.it

Chi è Emanuele Arciuli
Nato a Bari nel 1966, si è imposto all'attenzione del pubblico e della critica per le sue interpretazioni del classicismo viennese, del novecento storico e della musica contemporanea, specie americana.
Suona regolarmente per prestigiose istituzioni, tra cui il Festival Internazionale Pianistico di Brescia e Bergamo, Settembre Musica di Torino, La Biennale di Venezia, il Miller Theater di New York, le Berliner Festwochen, il Teatro San Carlo di Napoli, il Carlo Felice di Genova, le Orchestre Sinfoniche "Verdi" e "Pomeriggi Musicali" di Milano, il Festival Pianistico di Miami, l'Orchestra e il Coro della Svizzera Italiana, collaborando con musicisti e direttori di fama internazionale.
Ha inciso numerosi cd per Chandos, Bridge, VAI e Stradivarius, tra i quali l'integrale pianistica di Berg e Webern, un'antologia di musica americana e il Concerto per piano e orchestra di Bruno Maderna in prima mondiale.
Molto apprezzato per la profondità e l'originalità del suo approccio interpretativo, si è guadagnato la fiducia di molti compositori americani e italiani: in questo senso ha suscitato grande interesse, da parte della critica internazionale, il ciclo delle ‘Round Midnight Variations’, un gruppo di composizioni espressamente scritte per lui nel 2001 da sedici fra i maggiori autori americani (Kernis, Uri Caine, Fred Hersch, Rzewski, Babbit, Thomas, Torke, Harbison, Daugherty, Bolcom, Hoffman etc.), che si impone come una delle più significative raccolte pianistiche dei nostri giorni e Eine Kleine Mitternachtmusik, una vasta opera pianistica dedicatagli da George Crumb, che segna il ritorno alla composizione del grande musicista americano dopo parecchi anni.
Tra gli impegni più recenti concerti con l'Orquestra Sinfonica Brasileira di Rio de Janeiro, la Filarmonica di San Pietroburgo, l'Orchestra Verdi di Milano (prima esecuzione italiana del Concerto di John Adams), l'Orchestra Toscanini dell'Emilia Romagna, recitals a New York, Washington e Miami, festivals quali Cantieri di Montepulciano, Festival delle Nazioni, Festival di Ravello, lezioni e concerti a Princeton University, Miami University etc.
E' titolare della cattedra di pianoforte principale al Conservatorio di Bari e, dal 1998 è frequentemente Guest Faculty (professore ospite) al College Conservatory of Music della Università di Cincinnati ed in altre università americane.

(04-05-2006)




[torna ai risultati]
 


Periodo dal

al

Argomento

Parola chiave:


torna ai risultati
 


Pubblicato in S.Mariano - Perugia - Italia - Ultimo aggiornamento: 04-05-2006 alle :