inUmbria on line nelCentro on line inItalia on line in Europa on line nel Mondo on line nellUniverso on line
 
 
| Home | sul sipario | libri da vedere | links | contatti |
 

salute

L'Aids in Umbria “fa ancora paura”

Sono in crescita i casi di Aids nella nostra regione, contrariamente a quanto potremmo pensare, per fortuna non quelli pediatrici, l’ultimo dei quali risale al 2001. Che fare? Aumentare l'attività di informazione e sostenere la Ricerca


Crescono i casi di Aids nella nostra regione. Ecco la cronaca di un’amara escalation: se i malati nel 2004 erano a quota tredici, nel 2005 sono saliti a ventuno, i casi cioè sono di più sia nella provincia di Perugia che di Terni. Queste cifre pongono l'Umbria, in Italia, allo stesso livello di un’unica altra regione: la Puglia.

Certo Fernando Aiuti e Oriano Zecchini, rispettivamente presidente dell'Anlaids Nazionale e presidente della Sezione Umbria, riferiscono che nel 2005 nessun bambino si è ammalato nella regione: “bisogna continuare a combattere aumentando l'attività di informazione e sostenendo la Ricerca”.
Inoltre nel mese di aprile, da venerdì 14 alla domenica di Pasqua, le città e le cittadine dell'Umbria hanno dato vita all’iniziativa con cui si vendeva un Bonsai per aiutare la ricerca. Ma l'Anlaids può essere aiutata in tanti modi, ad esempio destinando il 5 per mille nella dichiarazione dei redditi: il codice fiscale dell'associazione è 07175880587.

“Nella geografia dell'Aids in Italia” ha detto Zecchini, “l'Umbria è al quarto posto con un'incidenza pari a 3,0 casi ogni centomila abitanti. Il problema è che “Non c'è stata una inversione di tendenza rispetto al 2004, ma una crescita che ci deve convincere ad andare avanti: l'Aids fa ancora paura.

I numeri dell’Aids in Umbria
Nella nostra regione dal 1982 al 2005 si sono avuti 464 casi di Aids, nel 2005 i casi sono stati ventuno. La provincia in cui si registra il tasso di incidenza più alto è Perugia con 3,1 casi, segue Terni con 2,2 casi.
In Umbria nel 2005, non sono stati registrati casi pediatrici e questo è un segnale positivo, l'ultimo di questi risale al 2001 e comunque dall’inizio dell'epidemia alla fine del 2005, i casi pediatrici di Aids in Umbria sono stati “solamente” nove.

(26-04-2006)




[torna ai risultati]
 


Periodo dal

al

Argomento

Parola chiave:


torna ai risultati
 


Pubblicato in S.Mariano - Perugia - Italia - Ultimo aggiornamento: 26-04-2006 alle :