inUmbria on line nelCentro on line inItalia on line in Europa on line nel Mondo on line nellUniverso on line
 
 
| Home | sul sipario | libri da vedere | links | contatti |
 

cultura

Lirica umbra (e cultura italiana) sdoganate in Cina

Il Teatro Lirico "A. Belli" di Spoleto dal 10 al 22 aprile si trova a Pechino e Shenyang. Qui terrà dei concerto, ma anche tre masterclass a favore di giovani cantanti cinesi. Il tutto nell’ambito delle manifestazioni ufficiali di "2006 Anno dell’Ita


Su invito dell’International Festival Chorus di Pechino il Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto A. Belli sarà in Cina nelle prossime settimane debuttando nel prestigioso Teatro della Città Proibita il giorno 15 aprile.

Protagonisti di Italian Night saranno il soprano Francesca Sassu, il tenore Francesco Marsiglia e il baritono Costantino Finucci. Diretti dal M° Nicholas Smith, i solisti dello “Sperimentale” si esibiranno con il l’Orchestra e il Coro Internazionale di Pechino in un programma tutto italiano dedicato a Puccini e Verdi.
Nella prima parte verrà eseguita la Messa di Gloria e nella seconda arie da La Traviata. Ma le novità di questa importante trasferta saranno le due Masterclass – lezioni-concerto tenute dal M° Michelangelo Zurletti insieme al M° Andrea Certa nei due importantissimi Conservatori di Pechino: il Central Conservatory of Music, il giorno 12 aprile e il China Conservatory of Music, il giorno 14 aprile.

Le Masterclass saranno a favore di giovani cantanti lirici cinesi diplomandi e diplomati dei due più importanti Conservatori della Cina. Sarà l’occasione per offrire un valido supporto e un confronto con metodologie e tecniche interpretative italiane, ai moltissimi studenti di canto cinesi, entusiasti dell’Italia. Ma sarà anche l’occasione per stipulare accordi di collaborazione con i Conservatori per possibili sessioni di studio e perfezionamento a Spoleto e in Umbria.

Dal 17 Aprile la delegazione dello “Sperimentale” si trasferisce nel nord-est della Cina nella metropoli di Shenyang, che conta otto milioni di abitanti, capitale della provincia di Liaoning, in Manciuria, importante centro industriale, ma anche ricca di storia e arte: il Palazzo Imperiale, le Tombe dei Fuling e dei Zhaoling sono stati posti sotto la tutela dell’Unesco e dichiarate patrimonio mondiale dell’Umanità.
In questo caso l’invito è giunto dalla Municipalità di Shenyang e dalla direzione del Liaoning Grand Theatre, e su proposta dell’Ambasciata Cinese in Italia.
La notizia dell’invito a Pechino da parte dell’International Festival Chorus è stata colta come opportunità a Shenyang. L’Ambasciata Cinese a Roma e la docente Liang Ying hanno proposto la collaborazione con Teatro e Conservatorio di Shenyang, il più antico della Cina: 2500 studenti di cui ben 400 allievi di canto lirico.
Nella capitale della Manciuria sono in programma due eventi: un Concerto Lirico Vocale al Liaoning Grand Theatre il giorno 18 aprile e una Lezione Concerto il giorno 20 aprile al Conservatory of Music di Shenyang.

Le manifestazioni dello “Sperimentale” in Cina sono rese possibili grazie al prezioso supporto e alla collaborazione della Regione Umbria, della Banca Popolare di Spoleto, al sostegno del Comune di Spoleto, di Sviluppumbria e di Confindustria Umbria, ma anche grazie al contributo dell’International Festival Chorus di Pechino, organizzatore degli eventi nella capitale, l’Ambasciata d’Italia a Pechino, la Municipalità di Shenyang, il Liaoning Grand Theatre di Shenyang e il Conservatory of Music di Shenyang.
Quindi dal punto di vista economico non solo supporti di Enti Italiani ma compartecipazione di Entità Cinesi alla trasferta, per permettere di presentare l’Umbria, il territorio comprensoriale e Spoleto attraverso un’eccellenza di questa Regione che è la didattica e la produzione operistica, un prezioso “prodotto” culturale italiano e umbro.

Gli eventi programmati sono inoltre un’anteprima e un debutto delle manifestazioni dell’Umbria in Cina che sono in via di preparazione da parte della Regione Umbria, e sono comprese ufficialmente nel calendario ministeriale degli eventi di “2006 - Anno dell’Italia in Cina”.
La nuova occasione di presentare i propri artisti in Cina, resa anche possibile dopo il primo approccio avvenuto nel 2004 grazie al Comune di Spoleto e Consorzio Umbria Produce, con due concerti all’Ambasciata d’Italia e a Thang Shang, ha come obiettivo anche quello di riuscire a presentare nel prossimo futuro produzioni operistiche, infatti sono previsti incontri con i direttori di due importanti Teatri di Pechino.

(12-04-2006)




[torna ai risultati]
 


Periodo dal

al

Argomento

Parola chiave:


torna ai risultati
 


Pubblicato in S.Mariano - Perugia - Italia - Ultimo aggiornamento: 12-04-2006 alle :