inUmbria on line nelCentro on line inItalia on line in Europa on line nel Mondo on line nellUniverso on line
 
 
| Home | sul sipario | libri da vedere | links | contatti |
 

spettacolo

“The Stolen Show” a Terni

I quattordici ballerini de Les Ballets Jazz de Montreal saranno sul palcoscenico del Teatro Verdi ad esibirsi con una gioiosa e sensuale celebrazione della danza, una singolare miscela di energia, humour e creatività


Venerdì 24 marzo una prestigiosa compagine di danza nordamericana, torna in Umbria, a Terni. Sono i quattordici danzatori deLes Ballets Jazz de Montreal, che occupano il palcoscenico del Teatro Verdi con “The Stolen Show”, proposto per il cartellone di Ballet 2006.
Il pubblico dell’Umbria conosce già l’ensemble canadese per le sue celebrate presenze sia al Festival di Spoleto che ad Umbria Jazz. Dall’anno della sua fondazione, il 1972, il BJM continua a crescere in vitalità, in una gioiosa, sensuale celebrazione della danza. Doti che si ritrovano nell’ultima creazione: “The Stolen Show”: puro piacere cinetico, pieno di energia e humour irriverente, che unisce in un mix unico jazz, hip-hop, funk e “street dance”.
Un risultato apprezzato dalla stampa per “l’estrema fisicità e l’energia creativa degli splendidi ballerini canadesi”.

Una parodia dello “Show business”
Lo spettacolo siglato dalla coreografa canadese Crystal Pite, unisce un intenso studio del movimento e la parodia di esso, il gusto dell’intrattenimento e l’ironia del mondo dello “show business”, il tutto alternato alle magistrali improvvisazioni eseguite dai dotatissimi ballerini della compagnia del Quebec.
Il nucleo originario dello spettacolo è “Short Works: 24”, ventiquattro opere, appunto, ciascuna della durata di circa un minuto. Sebbene ognuna di essa sia stata concepita in modo autonomo, “Short Works: 24” raggiunge la sua massima efficacia nella presentazione dell´intera serie, in cui ciascuna scena è vissuta all´interno del proprio contesto.
Con una struttura non narrativa guidata unicamente da suono e movimento, queste opere di un minuto esprimono tuttavia l´emozione e la tensione tipiche del corpo umano quando impegnato nella rappresentazione di sé.
La Pite ha indagato entrambi gli aspetti del tema con il suo originale spirito, la coreografa ha così portato a termine la seconda e la terza parte del suo progetto: “Xspectacle” e “The Stolen Show”, appunto, che dà il titolo all´intera trilogia, nata in collaborazione con il compositore Owen Belton.

La compagnia
Compagnia solidamente affermata nel panorama internazionale, BJM Danse/Les Ballets Jazz de Montréal, grazie alla nuova direzione artistica di Louis Robitaille e Ann Larson è stato completamente trasformato. La nuova direzione ha infatti portato alla compagnia una fresca energia, che esalta il talento degli interpreti e contemporaneamente incoraggia la nuova generazione dei coreografi.
È il caso di Crystal Pite, la quale, dopo aver studiato danza al Pacific Dance Centre di Victoria, al National Ballet School e Banff Centre for the Arts e School of the Toronto Dance Theatre, dal 1988 al 1996 è stata ballerina del Ballet British Columbia di Vancouver, e debutta come coreografa nel 1990, al primo workshop sulla coreografia del Ballet British Columbia.
Nel 1996 la Pite è entrata nel Ballett Frankfurt, sotto la direzione di William Forsythe, uno dei più celebrati coreografi contemporanei. Nell´agosto del 2001 la Pite è tornata a Vancouver dove ha continuato ad esibirsi e a creare coreografie in maniera indipendente.

Per informazioni ci si può rivolgere a:
Fondazione Umbria Spettacolo, tel. 075.5726764

e-mail : info@umbriaspettacolo.it

(24-03-2006)




[torna ai risultati]
 


Periodo dal

al

Argomento

Parola chiave:


torna ai risultati
 


Pubblicato in S.Mariano - Perugia - Italia - Ultimo aggiornamento: 24-03-2006 alle :