inUmbria on line nelCentro on line inItalia on line in Europa on line nel Mondo on line nellUniverso on line
 
 
| Home | sul sipario | libri da vedere | links | contatti |
 

economia

Legge regionale 12/95, un ottimo bilancio

E’ quella che prevede un’attività di aiuto e sostegno all’imprenditoria giovanile. Nel 2005 sono stati erogati tre milioni di euro per settantasette nuove aziende e sono stati fatti investimenti per 58 milioni di euro


La legge regionale 12/95 con la quale si prevedono agevolazioni per l’occupazione giovanile, nel 2005 è stata applicata da parte della Provincia di Perugia, dando sostegno agli imprenditori umbri in erba.
L’Ente prosegue ora con l’attività di sostegno alla costituzione e all’avvio di imprese composte da giovani, siano esse di produzione di beni o di fornitura di servizi.
Il bilancio del 2005 è positivo: settantasette imprese hanno goduto del finanziamento di tre milioni e 284.000 euro.
In generale emerge che gli investimenti hanno perlopiù interessato il settore artigiano, nella fattispecie concreta trentadue aziende, ventisette imprese di commercio e diciotto aziende del settore dei servizi: il tutto per un totale di duecentosei nuove unità lavorative occupate.

La mappa degli interventi
L’intero territorio provinciale ha beneficiato degli interventi, in particolar modo forse il perugino e la valle umbra sud. L’Assessore provinciale alle attività produttive Pier Luigi Neri ha affermato che “la Provincia bene ha fatto nel guardare lontano, spingendo i giovani verso la creazione di nuove imprese”. Poi illustrando i risultati complessivi raggiunti ha detto che “la legge ha permesso di trovare lavoro a 2.797 persone e ha fatto sorgere nel territorio provinciale 774 nuove imprese con un totale di 40 milioni e 354.000 euro di finanziamenti che in dieci anni hanno attivato investimenti per circa 58 milioni di euro. Molto valido anche il dato sulla sopravvivenza delle aziende formate che si mantiene intorno all’80% con aziende che proseguono in modo sano nella propria attività”.
Quali imprese “tirano” di pi? “Il boom riguarda la formazione di agenzie di comunicazione e la realizzazione di prodotti multimediali, ma non manca l’interesse per i comparti del legno, della ceramica, del ferro e della plastica”: in due parole dunque comunicazione ed artigianato.

Con la legge regionale 12/95, è possibile garantire alle nuove imprese anticipazioni a tasso 0 fino a 120.000,00 euro, in misura dell’80% dell’investimento massimo ritenuto ammissibile, ovvero un contributo massimo in conto capitale pari al 20% del totale dei canoni di leasing.

(16-02-2006)




[torna ai risultati]
 


Periodo dal

al

Argomento

Parola chiave:


torna ai risultati
 


Pubblicato in S.Mariano - Perugia - Italia - Ultimo aggiornamento: 16-02-2006 alle :