inUmbria on line nelCentro on line inItalia on line in Europa on line nel Mondo on line nellUniverso on line
 
 
| Home | sul sipario | libri da vedere | links | contatti |
 

cultura

La “Lex spoletina” per il 2006

Sta per essere consegnata anche quest’anno dall’Associazione “Amici di Spoleto. E’ la volta di Arnaldo Pomodoro e della “Fondazione Antonini”


L’Associazione “Amici di Spoleto” ormai da anni ha fatto della riproduzione della Lex Spoletina, ossia il cippo di pietra conservato presso il Museo archeologico, risalente al II secolo a. C., su cui è inciso il testo di una legge di protezione per i boschi sacri, un riconoscimento a persone fisiche o giuridiche che abbiano contribuito alla concreta difesa del patrimonio storico, culturale e ambientale, alla conoscenza della città ed allo sviluppo della sua economia.
Nell’anno 2006 si renderà onore ad un grande artista contemporaneo, Arnaldo Pomodoro ed alla Fondazione “Francesca, Valentina e Luigi Antonini”.
La cerimonia di consegna avverrà nell’ambito delle celebrazioni in onore di San Ponziano, patrono della Città, alla presenza delle autorità locali, domenica 15 gennaio 2006, nella Sala della Giunta Comunale, in via Giuntolo, alle ore 11,00.

Arnaldo Pomodoro
(Nella foto). E’ nato a Morciano di Romagna nel 1926 ed è considerato uno dei più grandi artisti contemporanei a livello internazionale.
Nel 1962 partecipò a Spoleto alla storica mostra “Sculture nella Città”, curata da Giovanni Carandente, con la più grande delle variazioni della sua “Colonna del viaggiatore”.
L’opera fu esposta all’altro capo del viale della Stazione rispetto al “Teodelapio” di Calder.
Tornato in Umbria trent’anni più tardi, per dedicare al lavoro degli operai siderurgici di Terni la grande scultura “Lancia di luce”, collocata nel Corso del Popolo di quella città, decise anche di donare definitivamente a Spoleto l’opera che vi era stata nel 1962.

Fondazione “Francesca, Valentina e Luigi Antonini”
Venne costituita a Spoleto nel 1972 per volontà di Francesca, Valentina e Luigi Antonimi, allo scopo di “promuovere lo sviluppo sociale, culturale, artistico ed economico della Città di Spoleto e del territorio di sua influenza”.
La Fondazione, sotto la guida vigile e oculata, prima dell’ing. Luigi Antonini, poi del figlio Enrico Corsetti Antonini, ha potuto negli anni espletare la sua attività nel rispetto delle previsioni statutarie ampliando e diversificando i propri interventi: dai restauri a numerosi monumenti, alle istituzioni scolastiche e alle iniziative culturali e artistiche.
Dal 1972 al 2004, gli interventi della Fondazione sono globalmente ammontati a 1.650.000,00 Euro contribuendo in modo sostanziale alla difesa e valorizzazione del patrimonio storico, artistico, culturale e ambientale, alla conoscenza della Città ed allo sviluppo della sua economia.

Per informazioni:
Associazione Amici di Spoleto, telefono 0743.44960

(12-01-2006)




[torna ai risultati]
 


Periodo dal

al

Argomento

Parola chiave:


torna ai risultati
 


Pubblicato in S.Mariano - Perugia - Italia - Ultimo aggiornamento: 12-01-2006 alle :