inUmbria on line nelCentro on line inItalia on line in Europa on line nel Mondo on line nellUniverso on line
 
 
| Home | sul sipario | libri da vedere | links | contatti |
 

ambiente

L'Umbria torna a coltivare la canapa

Con 18 aziende è al quarto posto tra le regioni italiane dove viene sperimentato il progetto della Cia per reintrodurre la coltivazione della canapa in agricoltura


Sono 18 le aziende umbre, molte dell'area del Trasimeno, che hanno aderito al progetto portato avanti dalla Confederazione italiana agricoltori dell'Umbria per la reintroduzione della coltivazione della canapa in agricoltura.
In tutte le aziende umbre coinvolte, la coltivazione della canapa ha interessato circa un ettaro di terreno, per un totale di superficie investita di circa 24 ettari. Dati che collocano l'Umbria al quarto posto tra le regioni italiane dove oggi viene coltivata la canapa.
Scopo del progetto è reintrodurre un tipo di coltura alternativa e, nello stesso tempo, remunerativa per gli agricoltori. La canapa risponde bene alla tradizione dell'Umbria, alle nuove aspettative degli imprenditori di un'agricoltura biologica, rispettosa dell'ambiente e che abbia importanti risvolti economici.
La canapa, infatti, è una coltivazione che rispetta l'ambiente, è autodiserbante, rinnova i terreni e non ha bisogno di pesticidi. Ha tutte le caratteristiche proprie delle coltivazioni biologiche, con molteplici possibilità di utilizzo nei settori alimentare, edilizio, tessile e cosmetico.

(19-12-2005)




[torna ai risultati]
 


Periodo dal

al

Argomento

Parola chiave:


torna ai risultati
 


Pubblicato in S.Mariano - Perugia - Italia - Ultimo aggiornamento: 19-12-2005 alle :