inUmbria on line nelCentro on line inItalia on line in Europa on line nel Mondo on line nellUniverso on line
 
 
| Home | sul sipario | libri da vedere | links | contatti |
 

cultura

Al Santa Maria la Corsa all’Anello

Il terziere ha vinto la 37ma edizione della Corsa. La festa continua: nel weekend apertura straordinaria delle Hostarie tipiche, convegno di studi storici sugli Antichi Statuti Cittadini e domenica la "Giostra delle Città dell’Anello"


Al termine di un'edizione emozionante caratterizzata anche da incidenti di gara e clamorose penalizzazioni per i cavalieri in lizza il terziere Santa Maria ha vinto la 37ma edizione della Corsa all'Anello di Narni. Una Corsa che passerà alla storia come una delle più emozionanti degli ultimi anni: non tanto per il fattore tecnico quanto per i numerosi colpi di scena che si sono succeduti per l'intero corso della gara. Alla fine Santa Maria l’ha spuntata su Mèzule e Fraporta, confermando così i favori del pronostico assegnati alla vigilia ai tre cavalieri del terziere arancio-nero. Non è stata vittoria facile: tutto si è deciso nell'ultima, palpitante tornata della tenzone.

La Festa di Narni che, come da tradizione, si chiude con la disputa della Corsa all'Anello, continuerà eccezionalmente quest'anno anche nel prossimo weekend: dal 13 al 15 maggio è prevista l’apertura straordinaria delle Hostarie tipiche, il 14 e 15 maggio ci sarà il Convegno di Studi Storici di due giorni sugli Antichi Statuti Cittadini del 1371, mentre domenica 15, si svolgerà l'attesa “Giostra delle Città dell’Anello” con la partecipazione dei Cavalieri della “Quintana” di Ascoli Piceno, del “Palio del Niballo” di Faenza, del “Palio di Castel Clementino” di Servigliano (AP), della “Giostra dell’Orso” di Pistoia, della “Giostra Cavalleresca” di Sulmona, e, naturalmente, della “Corsa all’Anello” di Narni. Tutti in campo, sempre allo Stadio San Girolamo e sempre alle ore 15.00 (ognuna delle 6 città sarà rappresentata da un cavallo e un cavaliere), per contendersi il simbolico titolo di Cavaliere più forte d'Italia.

La cronaca della gara
Colpo d'occhio straordinario allo Stadio San Girolamo: tutto esaurito grazie alla stupenda giornata di sole e al clima assolutamente gradevole. Il primo colpo di scena ancora prima dell'inizio della tenzone: durante il riscaldamento pre-gara rovinosa caduta di uno dei cavalieri di Fraporta, Marco Carlini; nell'affrontare una curva il suo cavallo sbanda e il giovane concorrente finisce pesantemente a terra e rimanendo quasi immobile. Momenti di apprensione tra il pubblico e i responsabili di gara. Leonardi viene soccorso e trasportato per accertamenti in ospedale con un'autoambulanza. Nulla di grave ma tanto basta per scompaginare le carte in casa del terziere rossoblu che deve ricorrere ad un concorrente di riserva, Giulio Leonardi.
Si inizia con mezzora di ritardo: la primata tornata di gara è caratterizzata errori e penalità di tutti i cavalieri in gara. Nella prima tenzone Diego Cipiccia di Santa Maria fa il pieno dei tre anelli da infilare (45 punti) contro i due raccolti da Fabio Ortolani di Fraporta (30 punti); nella seconda Cipiccia porta a casa due anelli come il suo avversario Andrea Leonardi di Mèzule, ma sconta una penalità che gli fà perdere 15 punti. Nella terza gara sarà lo stesso Leonardi a scontare una penalità (25 punti raccolti) ma l'avversario di turno, Ortolani di Fraporta, infila un solo anello portando a casa solo 15 punti.
Nella seconda tornata continua lo stillicidio degli errori: Lucio Antici di Mèzule centra due su tre contro Gianni Vignoli di Santa Maria che non va oltre un unico anello infilato. Poi tocca a Giulio Leonardi di Fraporta contro Lucio Antici di Mèzule. Bravissimo il sostituto dell'infortunato Carlini: veloce e preciso infila tutti e tre gli anelli ma quando la sua gara è già finita e sta per apprestarsi a consegnare ai giudici la lancia con gli anelli infilati, cade da cavallo e perde il suo bottino. Da regolamento viene dunque squalificato a zero punti.Una mazzata durissima per Fraporta dopo quella del forfait dato dal cavaliere titolare infortunatosi in precedenza: Leonardi comunque non si perde d'animo e avrà modo di rifarsi nella gara successiva contro Vignoli di Santa Maria; stesso ed impeccabile profitto come nell'occasione precedente, stavolta senza caduta finale. Si guadagna 45 punti, con tre anelli infilati, contro i 30 del suo avversario.
Si arriva così alla terza tornata con questa classifica parziale: Santa Maria 105 punti, Mèzule 100, Fraporta 90. Distacchi minimi e tutto da decidersi nelle ultime tre gare dell'ultima tornata. Inizia bene per Mèzule che con l'esperto Roberto Cavalletti centra l'enplein contro Edoardo Secondi di Fraporta che si ferma a 30 punti. Nella seconda gara ancora Secondi contro Francesco Brunotti di Santa Maria: è quest'ultimo a spuntarla per 30 a 15. A quel punto è chiaro che la vittoria finale è un affare tra Mèzule e Santa Maria: nell'ultima e decisiva gara sono difronte Brunotti di Santa Maria e Cavalletti di Mèzule; stavolta sono tutte e due bravissimi ma è Brunotti a centrare l'anello finale facendo cadere quello dell'avversario: 45 a 30 per il cavaliere arancio-nero.

(09-05-2005)

Link consigliati:
Corsa all'Anello di Narni



[torna ai risultati]
 


Periodo dal

al

Argomento

Parola chiave:


torna ai risultati
 


Pubblicato in S.Mariano - Perugia - Italia - Ultimo aggiornamento: 09-05-2005 alle :