inUmbria on line nelCentro on line inItalia on line in Europa on line nel Mondo on line nellUniverso on line
 
 
| Home | sul sipario | libri da vedere | links | contatti |
 

cultura

Città di Castello celebra Alberto Burri

Presentata la mostra "Prima di Burri e con Burri" in programma dal 13 marzo al 16 giungo. L'esposizione, realizzata per celebrare il decennale della morte del maestro, inaugurerà la nuova ala della pinacoteca comunale


A dieci anni dalla morte di Alberto Burri, Città di Castello ricorderà il suo illustre concittadino con una serie di iniziative che prenderanno il via il 13 marzo con l'apertura della mostra “Prima di Burri e con Burri”, organizzata dal Comune in collaborazione con la Fondazione Albizzini Collezione Burri e la Regione dell'Umbria.

L'iniziativa, ideata da Maurizio Calvesi, presidente della Fondazione, e curata da Chiara Sarteanesi, inaugurerà gli spazi espositivi della nuova ala della Pinacoteca di palazzo Vitelli alla Cannoniera, dove in futuro sarà allestita, su piani differenziati, una sezione permanente dedicata all'arte contemporanea con collezioni provenienti da donazioni private e uno spazio riservato a mostre temporanee.

“Nelle ultime 24 ore abbiamo partecipato ad eventi che riguardano due grandi nomi della pittura contemporanea umbra: Gerardo Dottori e Alberto Burri, segno questo di quanta attenzione le istituzioni locali riservano all’arte ed alla cultura, elementi significativi dell’immagine dell’Umbria in Italia e nel mondo”. Così la presidente della Regione Umbria, Maria Rita Lorenzetti, ha aperto la conferenza stampa di presentazione della mostra in programma a Città di Castello dal 12 marzo al 16 giugno. “Negli ultimi anni, la Regione – ha affermato la Lorenzetti - ha perseguito l’obiettivo di una coerente politica di valorizzazione e di tutela dei beni culturali. In questa linea di intervento, rientrano perfettamente i due appuntamenti che vedranno la loro luce nel prossimo mese di marzo: da un lato, il recupero della nuova ala della Pinacoteca in Palazzo Vitelli della Cannoniera a Città di Castello e, dall’altro, la mostra Prima di Burri e con Burri che inaugurerà questi nuovi spazi espositivi”.
“I nuovi spazi restaurati, con il contributo diretto della Regione – ha proseguito la presidente - offrono la possibilità di essere un luogo museale e un perfetto contenitore per mostre temporanee. I vantaggi sono immediatamente riscontrabili; infatti, nella nuova ala troveranno collocazione le opere giunte in Pinacoteca attraverso tre donazioni, che da tempo attendevano di poter essere esposte al pubblico: la donazione Ruggieri, che raccoglie ventitre dipinti di maestri del Novecento, la gipsoteca Elmo Palazzi, scultore che ha operato tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento e la collezione di bronzi di Bruno Bartoccini, scultore della seconda metà del Novecento”.

La mostra
Scopo della mostra, in calendario fino al 12 giugno, è costruire un ponte ideale e artistico fra le due sedi della Fondazione Burri e la Pinacoteca comunale, proponendo al pubblico 50 opere di alcuni artisti che Burri ammirava e che in molti casi ha frequentato, durante i suoi soggiorni romani e parigini, e opere di artisti con i quali Burri ha intrattenuto rapporti di stima reciproca, in alcuni casi con scambi di lavori.

Il percorso espositivo prevede una prima sezione in cui figurano opere di Bacon, De Chirico metafisico, Mafai, Magnelli, Melli, Miro', Morandi, Picasso, Schwitters, Scipione, e una seconda con lavori di Afro, Ballocco, Calder, Capogrossi, Colla, Ceroli, De Kooning, Fazzini, Kiefer, Gambetti, Mannucci, Marca-Relli, Marino Marini, Nicholson, Nuvolo, Prampolini, Sarteanesi Alvaro e Nemo, Sironi.

(17-02-2005)

Link consigliati:
Fondazione Albizzini, Collezione Burri



[torna ai risultati]
 


Periodo dal

al

Argomento

Parola chiave:


torna ai risultati
 


Pubblicato in S.Mariano - Perugia - Italia - Ultimo aggiornamento: 17-02-2005 alle :