inUmbria on line nelCentro on line inItalia on line in Europa on line nel Mondo on line nellUniverso on line
 
 
| Home | sul sipario | libri da vedere | links | contatti |
 

ambiente

Smog, a Terni stop al traffico

Venerdì blocco totale della circolazione di tutti gli autoveicoli, catalizzati e non, dalle 15 alle 20. Perugia decide oggi sulle targhe alterne nel weekend


L’aumento delle polveri sottili a Terni ha convinto l’amministrazione comunale ad adottare provvedimenti di limitazione del traffico. La Direzione Ambiente del Comune ha disposto per venerdì 11 febbraio il blocco totale della circolazione di tutti gli autoveicoli (catalizzati e non) dalle 15 alle 20.

A Perugia, dopo gli incontri tra vicesindaco Rometti e l'assessore alla mobilità Chianella, oggi si terrà una riunione per decidere, anche alla luce delle condizioni meteo, come procedere per il fine settimana, ma la circolazione a targhe alterne appare probabile. Secondo i tecnici dell'amministrazione comunale perugina, per sabato 12 dovrebbero circolere le auto con targhe pari (quindi il blocco sarà per le auto a targhe dispari), domenica quelle con targhe dispari con conseguente blocco di quelle vetture a targhe pari.

PM10
La sigla PM 10 identifica la ‘Materia Particolata’, ovvero particelle microscopiche non visibili a occhio nudo, piccoli frammenti di sostanze organiche come fibre animali e vegetali, pollini, batteri, spore e inorganiche come metalli pesanti, fibre di amianto, solfati, nitrati, polveri di carbone e di catrame. Il problema di fondo legato all'eccessiva concentrazione di PM10 nell'aria è il fatto che entra nei nostri polmoni a ogni respiro ed è tanto piccolo da raggiungere gli alveoli polmonari. A questo punto vengono inghiottiti da cellule chiamate ‘macrofagi’, che tentano di distruggere l’intruso digerendolo: se non ci riescono lo tengono nascosto dentro di sé.

Oltre ai rischi per la salute, è bene evidenziare che la situazione di Terni (certamente non più grave di quella che vivono altre città italiane), non è certo incoraggiante. Secondo i dati forniti dal Centro operativo provinciale, infatti, molti sarebbero i giorni in cui le centraline di monitoraggio della Provincia avrebbero rilevato il superamento del limite. Per 21 giorni la stazione di via Carrara, proprio al ridosso del centro città, ha superato il valore limite e via via a scendere fino agli 8-9 supeamenti di quella di Borgo Rivo. Insomma la qualità dell'aria ternana è decisamente scarsa.

I rischi per i cittadini e per l’ambiente
La continua entrata di elementi estranei negli alveoli può danneggiare lo strato di cellule responsabili degli scambi gassosi (l’entrata di ossigeno e la fuoriuscita di anidride carbonica) e provocare problemi alla respirazione. Se le sostanze che i macrofagi non riescono a digerire si accumulano nell’organismo; essendo tossiche o cancerogene possono provocare nel tempo l’insorgenza di malattie gravi.
Oltre ai gravi danni che il PM10 provoca sull'essere umano, effetti nocivi si hanno anche sull'ambiente. Prima conseguenza immediata è la perdita di visibilità atmosferica; a lungo termine, invece, è pericoloso l’accumulo di metalli pesanti nella rete alimentare e la deposizione sui vegetali del particolato.

Come ci si può difendere?
Oltre alle misure eccezionali come il blocco del traffico, è necessario adottare dei comportamenti che contribuiscano a diminuire le emissioni di PM 10, come usare meno l’automobile e favorire l’utilizzo dei gas naturali meno inquinanti come combustibile. Per ora, quindi, oltre a lasciare l'auto al parcheggio per girare una città, è necessario utilizzare con particolare attenzione il riscaldamento domestico.

(10-02-2005)

Link consigliati:
Comune di Terni



[torna ai risultati]
 


Periodo dal

al

Argomento

Parola chiave:


torna ai risultati
 


Pubblicato in S.Mariano - Perugia - Italia - Ultimo aggiornamento: 10-02-2005 alle :