inUmbria on line nelCentro on line inItalia on line in Europa on line nel Mondo on line nellUniverso on line
 
 
| Home | sul sipario | libri da vedere | links | contatti |
 

economia

Magnetico, “no” dei sindacati alla cassa integrazione

Le sei sigle non intendono firmare l'accordo per la Cig da Thyssen Krupp per i 360 dipendenti a partire da lunedì. Prosegue il blocco delle merci ai cancelli dell’Ast


I sindacati non intendono firmare l'accordo per la cassa integrazione chiesta da Thyssen Krupp per i 360 dipendenti del reparto magnetico di Ast a partire da lunedì prossimo e per 2 anni.
Lo hanno ribadito oggi gli esponenti delle sei sigle sindacali impegnate nella vertenza delle Acciaierie di Terni, prima di partecipare all'incontro tecnico in Regione per la ratifica della Cig.

Il sindacato respinge il documento di richiesta di cassa integrazione che considera “un provvedimento preso unilaterale” e sul quale stanno lavorando gli uffici legali del sindacato per verificarne la fondatezza giuridica.

Intanto nello stabilimento di viale Brin prosegue il blocco delle merci in entrata ed in uscita, con il presidio ai cancelli attuato dai lavoratori. Tutte iniziative che “andranno avanti - hanno ribadito i sindacati - sino a quando non si verificheranno le condizioni per interromperle”.

Ast, nuovo incarico per Rademacher
L'attuale presidente del comitato esecutivo di Tk-Stainless, Michael Rademacher, dal primo aprile andrà a ricoprire un nuovo incarico all'interno della multinazionale tedesca, subentrando ad Hans-Peter Breker come amministratore delegato del settore Automotive: lo rende noto Tk con un comunicato comparso sul proprio portale. All'amministratore delegato delle Acciaierie di Terni succederà Marion Helmes, attualmente vicepresidente senior alla Corporate Mergers & Acquisitions della Thyssen Krupp.

(04-02-2005)




[torna ai risultati]
 


Periodo dal

al

Argomento

Parola chiave:


torna ai risultati
 


Pubblicato in S.Mariano - Perugia - Italia - Ultimo aggiornamento: 04-02-2005 alle :