Salute
Ambiente
Sport
Società
Beni culturali
Patrimoni edilizi
Imprese
Economia
Scuola
Università
Turismo Enogastronomia Virtual
Poleis
Innovazione
Tecnologica
 
 cultura    NOTIZIE O Line

L’Africa di Lilanga in mostra a Perugia

Le opere dell’artista tanzaniano, considerato il Picasso africano, saranno esposte presso il Museo Archeologico Nazionale dell’Umbria, grazie all’attività del Centro Internazionale per la Pace tra i Popoli di Assisi


Centoventi opere tra acqueforti, sculture, masoniti e tele, molte di grande formato, compongono il percorso della mostra George Lilanga. Colori d’Africa. L’esposizione, allestita al Museo Archeologico Nazionale dell’Umbria, sarà inaugurata sabato 15 settembre, alle ore 18.00.
La singolare iniziativa che ha coinvolto un’istituzione pubblica, il Centro Internazionale per la Pace tra i Popoli di Assisi e collezionisti privati intende delineare l’affascinante percorso creativo del grande artista africano.

Organizzata in senso cronologico, la mostra propone infatti una significativa selezione di opere, dagli anni Settanta fino alle ultime realizzazioni, tutte contenute nell’elegante catalogo a stampa.

I proventi derivati dalla vendita della pubblicazione saranno impegnati in azioni di sostegno all’infanzia, da sempre attuati dal Centro Internazionale per la Pace.
Sono presenti lavori in ferro smaltato, dipinti su pelli di capra e le grandi tele di oltre due metri, frutto della committenza internazionale derivata dalla crescente fama dell’artista.

La produzione di Lilanga, considerato il Picasso africano, è caratterizzata dal vivace cromatismo e da un forte talento visionario nel raccontare episodi quotidiani legati al senso della vita del villaggio. L’Africa che descrive è infatti decisamente innovativa rispetto agli schemi consueti, privilegiando piuttosto l’elemento ironico, fiabesco e divertente.
Le sue opere, apprezzate dalla critica internazionale ed esposte in tutto il mondo, sono oggetto di particolare interesse da parte dei collezionisti d’arte.
L’esposizione perugina, una delle più complete riguardanti l’artista tanzaniano, è stata resa possibile dalla momentanea disponibilità di spazi espositivi, conseguenza dell’attuale fase di ristrutturazione del Museo.

Il carattere multiculturale della città di Perugia, segnato da una storica presenza di comunità africane, ha suggerito inoltre un preciso riferimento culturale.


(14-09-2007 07:23)



 
[ stampa ]    [ archivio ]  [ home ]

fwfdsf

L'Umbria che eccelle premiata a Todi

Assisi Suono Sacro, musica e spiritualità in Umbria

Nove candeline per il Trasimeno Music Festival

Dimore storiche, su il sipario su “Storie di ville e giardini”

Un progetto per “La Ceramica Made in Umbria”

Taglio del nastro per il Gluten Free Fest 2013

Ad Assisi, aspettando Con il cuore

Papa Francesco ad Assisi il prossimo 4 ottobre

L’Umbria al Festival di Cannes con Giovanna Vignola

A Perugia, l'inganno di venticinque artisti internazionali

Nove candeline per il Trasimeno Music Festival

Umbria Water Festival 2013… T.V.B. – Ti voglio Bere

Dieci anni di Ra.Mi. in Amazzonia

Perugia sempre più green col Festival della mobilità alternativa

In Umbria, quattro giorni per l’Europa

Dall’ominide all’omìno, riflessioni semiserie di antropologia perugina

A Perugia, Svoltamola!

 


Pubblicato in S.Mariano - Perugia - Italia - Ultimo aggiornamento: 14-09-2007 alle :