Salute
Ambiente
Sport
Società
Beni culturali
Patrimoni edilizi
Imprese
Economia
Scuola
Università
Turismo Enogastronomia Virtual
Poleis
Innovazione
Tecnologica
 
 cultura    NOTIZIE O Line

Taglio del nastro per la grande mostra Aurea Umbria

Si potrà visitare fino al 9 dicembre 2012 l'esposizione, in allestimento a Spello, che passa attraverso l’imperatore Costantino e i reperti archeologici che esprimono il mondo articolato e complesso della società tardoantica


Alla scoperta dell’Aurea Umbria, che passa attraverso l’imperatore Costantino e i reperti archeologici che esprimono il mondo articolato e complesso della società tardoantica: il potere imperiale, la vita delle aristocrazie, le attività dei ceti subalterni, le mentalità e le strutture culturali dei ceti medi, con idee religiose, riti comunitari e identità civica o ‘di classe’.
Grande successo ha ottenuto l’inaugurazione della mostra “Aurea Umbria. Una regione dell’Impero nell’era di Costantino”, curata da Valerio Massimo Manfredi, che si è svolta sabato scorso nel palazzo comunale. L’evento è stato introdotto da una cerimonia nello splendido scenario di Piazza della Loggia dove sono intervenuti il sindaco Sandro Vitali, l’assessore regionale alla cultura Fabrizio Bracco, l’assessore alla cultura della Provincia Donatella Porzi, il preside Facoltà Lettere e Filosofia dell'Università degli Studi di Perugia Giorgio Bonamente, il direttore regionale per i Beni culturali e paesaggistici dell’Umbria Francesco Scoppola.
“Si tratta di una mostra importante – ha spiegato il sindaco sandro Vitali – perché permette di raccontare e riflettere sulla storia dell’Umbria tardoantica, quel concentrato di bellezze, sogni e meraviglie di questa piccola regione. Un territorio che investe per continuità storica, politica e sociale oltre 30 comuni che hanno aderito, riuscendo coinvolgere forse l’area più estesa, fino ad oggi, per un evento espositivo”. Di grande interesse è stato l’intervento del curatore Massimo Valerio Manfredi che ha illustrato la preziosità del periodo tardoantico: “E’ una mostra emozionante – ha spiegato - vedetela, leggetela perché c’è aperto uno stralcio di grande evoluzione, di grandi cambiamenti”.
La mostra Aurea Umbria di Spello presenta circa settanta reperti archeologici provenienti da un’area geografica che corrisponde per la massima parte al territorio umbro-marchigiano (Regio VI nell’ordinamento di Augusto). Musei di provenienza: Museo Archeologico Nazionale di Ancona, Antiquarium di Carsulae, Museo Diocesano di Città di Castello, Museo Archeologico di Fossombrone, Antiquarium e Museo Archeologico di Gubbio, Antiquarium di Lugnano in Teverina, Antiquarium a Palazzo Eroli di Narni, Antiquarium di Casale Fulgenzio a Otricoli, Museo Archeologico Nazionale di Perugia, Musei Vaticani e Museo di Villa Giulia a Roma, Museo del Ducato di Spoleto, Antiquarium Comunale di Terni.

La mostra rimarrà aperta fino al prossimo 9 dicembre.

Per informazioni www.aureaumbria.it, call center Sistema Museo 199.151.123.


(31-07-2012 07:16)



 
[ stampa ]    [ archivio ]  [ home ]

fwfdsf

L'Umbria che eccelle premiata a Todi

Assisi Suono Sacro, musica e spiritualità in Umbria

Nove candeline per il Trasimeno Music Festival

Dimore storiche, su il sipario su “Storie di ville e giardini”

Un progetto per “La Ceramica Made in Umbria”

Taglio del nastro per il Gluten Free Fest 2013

Ad Assisi, aspettando Con il cuore

Papa Francesco ad Assisi il prossimo 4 ottobre

L’Umbria al Festival di Cannes con Giovanna Vignola

A Perugia, l'inganno di venticinque artisti internazionali

Nove candeline per il Trasimeno Music Festival

Umbria Water Festival 2013… T.V.B. – Ti voglio Bere

Dieci anni di Ra.Mi. in Amazzonia

Perugia sempre più green col Festival della mobilità alternativa

In Umbria, quattro giorni per l’Europa

Dall’ominide all’omìno, riflessioni semiserie di antropologia perugina

A Perugia, Svoltamola!

 


Pubblicato in S.Mariano - Perugia - Italia - Ultimo aggiornamento: 31-07-2012 alle :